Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Bello Figo: swag in salsa di pomodoro
Quanto più è grande la massa da convincere, più piccolo deve essere lo sforzo mentale da realizzare. La capacità ricettiva delle masse è limitata e la loro comprensione media scarsa, così come la loro memoria.
Attuale, decisamente; anche se si tratta di un principio elaborato sul finire degli anni ’30 da Joseph Paul Goebbels, stratega della comunicazione di Hitler. Ecco, ieri, in tv, è andata in onda una perfetta applicazione della suddetta teoria, incrociata col secondo principio goebbelsiano: quello della semplificazione e del nemico unico (una sola idea, un unico simbolo che identifichi l’avversario in un nemico, nell’unico responsabile di tutti i mali). Il Bello Figo Gu (quest’ultimo sembra un suono gutturale, ma in realtà è solo quel che rimane dell’iniziale appellativo Gucci Boy, dopo che i legittimi titolari del marchio avevano mostrato di non gradire la gratuita promozione…), emblema del trash-rapping, discutibile cantautore, sedicente profugo, vero furbo, si è presentato alla trasmissione di Maurizio Belpietro “Dalla vostra parte” (Rete 4) per rappresentare l’altra faccia dell’immigrazione nera: quella che non vuol fare “l’opraio”, che vive sul groppo degli italiani in alberghi “a 4 stelle” lamentandosi per l’assenza “del wi-fi” ed occupando le lunghe giornate, adeguatamente compensate da uno Stato prodigo, selezionando “fighe bianche”. Tutti regali di Renzi e Mattarella, cui l’autonominatosi "bello figo" tenta di ricambiare il favore (nella disperazione dei destinatari del dono avvelenato) con tanto di cartelli e proclamazioni di voto nell'ennesimo video che spopola su YouTube. Goebbels si sarebbe inchinato davanti a cotanta applicazione del combinato disposto dei suoi principi. La maggioranza dei telespettatori si è invece accontentata di vedere il ghanese, firmato dalla testa gialla alle Jordan, debitamente impentolato con tutti gli odori dalla Mussolini…
02/12/2016