Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT. Affitto d'azienda, Mise: non si può per gli FSMA

Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).
Fino ad oggi, infatti, tale negozio è sempre stato considerato non opponibile alla P.A. - poiché contrario alla normativa di riferimento – ai fini della richiesta di voltura dell’autorizzazione FSMA stessa. Eppure diversi operatori del settore hanno riferito di un preteso cambio di orientamento del Ministero dello Sviluppo Economico, che avrebbe recentemente convalidato contratti ex artt. 2561 e 2562 c.c. nell'ambito di procedure fallimentari, concorsuali o giudiziarie in genere. Interpellato sul punto dalla struttura di competenze a più livelli Consultmedia (collegata a questo periodico), il Ministero ha confermato in data odierna che "la normativa prevede unicamente l’affitto della rete (art. 14 – Codice delle Comunicazioni Elettroniche e s.m.i.), non anche dell’autorizzazione FSMA per la quale la Delibera 353/11/Cons prevede solo le cessioni; infatti, verrebbe meno il principio di responsabilità editoriale della programmazione relativa al marchio/palinsesto che si vorrebbe affittare, per il semplice fatto che non sarebbe più possibile individuare il soggetto in capo al quale ricade tale responsabilità". (M.L. per NL)

17/02/2017 15:19
 
NOTIZIE CORRELATE
Con ordinanza n. 592/2017 del 09/02/2017 pubblicata il 13/02/2017 il Consiglio di Stato sez. VI, accogliendo l'appello cautelare promosso da un operatore di rete lombardo, ha sospeso la sentenza del TAR Lazio n. 09658/2016 in ossequio alla quale erano state apportate dal Ministero dello Sviluppo Economico variazioni alla graduatoria di revisione delle frequenze televisive locali della Regione Lombardia di cui alla determina pubblicata sul sito il 13/07/2015 e modificata in data 25/11/2015.
Pubblicati gli aggiornamenti relativi alle regioni Basilicata, Campania e Sardegna delle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
Attraverso la delibera Agcom 40/17/CONS, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha disposto la sospensione del processo di implementazione dei cambi programmati di risorse frequenziali previsti dei vigenti Piani nazionali di assegnazione delle frequenze per il servizio televisivo terrestre in tecnica digitale, nelle more della ripianificazione complessiva delle risorse destinate al servizio di radiodiffusione sonora e televisiva.
Valorizzare gli ascolti in netta crescita e migliorare il fatturato: questo è l’obbiettivo di Urbano Cairo per quanto riguarda il 2017.
Ovviamente non ci riferiamo alle nazionali, che in gran parte già presidiano la piattaforma digitale terrestre, quand'anche col solo flusso audio, ma alle superstation, alle radio interregionali e alle prime radio regionali o metropolitane.