Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT. L'infinita vicenda delle assegnazioni regionali: CdS sospende sentenza TAR Lazio su graduatoria Lombardia

Con ordinanza n. 592/2017 del 09/02/2017 pubblicata il 13/02/2017 il Consiglio di Stato sez. VI, accogliendo l'appello cautelare promosso da un operatore di rete lombardo, ha sospeso la sentenza del TAR Lazio n. 09658/2016 in ossequio alla quale erano state apportate dal Ministero dello Sviluppo Economico variazioni alla graduatoria di revisione delle frequenze televisive locali della Regione Lombardia di cui alla determina pubblicata sul sito il 13/07/2015 e modificata in data 25/11/2015.
Il supremo organo di giustizia amministrativa ha considerato, "all’esito di una delibazione tipica della fase cautelare, che gli atti sopravvenuti alla sentenza di primo grado costituiscono, in parte, esecuzione di tale sentenza e, in parte, per profili differenti afferenti alla copertura di rete, risultato di un’autonoma determinazione amministrativa" e che "la parte appellante ha impugnato, per gli aspetti di “cognitivi”, tali atti innanzi al Tribunale amministrativo e, per gli aspetti “esecutivi”, innanzi a questo Consiglio" e "tali profili devono essere oggetto di accertamento nel merito all’esito dell’udienza pubblica del 18 maggio 2017, già fissata". In ragione di tali considerazioni il CdS ha quindi deciso che "nelle more della decisione, appare opportuno sospendere l’efficacia della sentenza impugnata al fine di evitare che la situazione di fatto relativa agli impianti che attualmente trasmettono venga modificata prima che si pervenga ad una decisione di merito definitiva". Rimane ora da verificare se, nelle more della decisione che sarà assunta a seguito della fissata udienza del 18/05/2017, il Mise (come probabile) congelerà l'ennesima revisione alla graduatoria della Lombardia. (M.L. per NL)
16/02/2017 13:58
 
NOTIZIE CORRELATE
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).
Pubblicati gli aggiornamenti relativi alle regioni Basilicata, Campania e Sardegna delle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
Attraverso la delibera Agcom 40/17/CONS, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha disposto la sospensione del processo di implementazione dei cambi programmati di risorse frequenziali previsti dei vigenti Piani nazionali di assegnazione delle frequenze per il servizio televisivo terrestre in tecnica digitale, nelle more della ripianificazione complessiva delle risorse destinate al servizio di radiodiffusione sonora e televisiva.
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
Conclusa la cessione di un asset dell’emittente Telecolor a Sestarete; Advisor: Consultmedia. La prima struttura italiana di competenze a più livelli in ambito mediatico Consultmedia (collegata a questo periodico) ha assistito le società Telecolor s.p.a. (Cremona) e Beacom s.r.l. (Torino), nella cessione dalla prima alla seconda di un asset aziendale costituito dall’autorizzazione regionale per il Piemonte per fornitura di servizi di media audiovisivi sul digitale terrestre tv con associato l’importante logical channel number 19 (numerazione automatica del telecomando).