Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT. La Svizzera abbandona il canale 57 e si sposta sul 24. Stop interferenze a Retecapri

Risolta l'annosa querelle delle interferenze tra il network provider nazionale Retecapri e l'Ufcom, l'Ufficio federale per le comunicazioni della Confederazione elvetica.
Da ieri mattina, in esecuzione degli accordi raggiunti in sede UIT-R, è stato disattivato il canale UHF 57 che debordava in quote rilevanti del territorio italiano interferendo con le emissioni (in particolare da Valcava) dell'operatore di rete nazionale Premiata ditta Borghini e Stocchetti di Torino, il network provider del gruppo Retecapri (il cui curioso appellativo deriva dal film "La banda degli onesti" di Totò e Peppino De Filippo). Le trasmissioni svizzere sono migrate sul canale UHF 24, a sua volta liberato da emissioni italiane nell'area di confine. Al di là degli aspetti positivi della vicenda in termini interferenziali, la questione comporterà nel breve termine numerosi problemi per chi aveva installato antenne dedicate alla ricezione dei programmi DTT elvetici (considerati particolarmente appetibili per qualità delle trasmissioni del bouquet italiano) nelle aree ove era possibile ricevere le emissioni sul canale 57. La trasmissione sul canale 24 UHF, al di là di una spontanea riduzione della potenza di circa 6 dB rispetto a quella precedente, presenta infatti differenti caratteristiche che non la rendono pienamente compatibile con le antenne di ricezioni installate per il canale 57 UHF. (M.L per NL)
07/09/2016 10:36
 

Interferenze ch 24 della Svizzera Italiana

Cito testualmente "Al di là degli aspetti positivi della vicenda in termini interferenziali"...forse qualcosa vi sfugge, perchè l'intera area del verbano-cusio-ossola è pesantemente interferita da questa emissione svizzera, a tutto danno dell'emittente locale 4 Rete.
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Forse è la volta buona. Della collocazione sul mercato dei preziosi asset quale fornitore di servizi media audiovisivi nazionale con associati importanti logical channel number (LCN) abbiamo parlato in molte occasioni su queste pagine.
Dopo un periodo di relativa calma ricominciamo i giochi a riguardo degli LCN nazionali più appetibili, primi fra tutti quelli di Retecapri (20, 45, 55 e 66), con il testa il 20, al quale si erano interessati un po' tutti: da Mediaset a Sky, da Discovery a Scripps.
All'inizio del 2020 la RSI servirà il pubblico con un'offerta più ampia e lancerà un'offerta nuova, Web LA 2, che destinata a sostituire RSI LA 2, sarà disponibile su dispositivi mobili, online e sulla Smart TV interattiva (il successore digitale del teletext analogico.
La Discovery Communications e la SSR (la concessionaria svizzera pubblica radio-tv) hanno stretto per i giochi olimpici un accordo pluriennale che garantirà ai telespettatori una copertura completa e offrirà loro la possibilità di seguire ogni istante delle olimpiadi invernali di PyeongChang 2018 e delle olimpiadi estive di Tokio 2020 su diverse piattaforme.