Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, LCN. Sony e Discovery interessate a tre LCN nazionali di Retecapri?

Dopo un periodo di relativa calma ricominciamo i giochi a riguardo degli LCN nazionali più appetibili, primi fra tutti quelli di Retecapri (20, 45, 55 e 66), con il testa il 20, al quale si erano interessati un po' tutti: da Mediaset a Sky, da Discovery a Scripps.
Questa volta le indiscrezioni vorrebbero interessamenti da parte dei giapponesi di Sony (già sul sat di Sky Italia con i canali Axn HD, Axn+1 e Axn Sci-Fi) per gli LCN 45 e 55 per il lancio di due nuovi canali con target bambini e cultura. Ma,  secondo il quotidiano MF – Milano Finanza, anche il gruppo Viacom (già editore anche di Paramount Channel in collaborazione con Sky) starebbe studiando il lancio di un nuovo programma in chiaro per il target maschile, mentre analoga strategia starebbe adottando Discovery Italia (fornitore di contenuti con Nove, DMax e Real Time) per un canale sportivo. Entrambi i player starebbero valutando le disponibilità sul mercato, tra le quali quella dell'appetibile 20 di Costantino Federico. (E.G. per NL)
28/11/2016 09:20
 
NOTIZIE CORRELATE
L’Italia è riuscita a ottenere l’agognata dilazione di due anni per la liberazione della banda 700 MHz, che dovrà passare entro il 2020 (con tolleranza fino al 2022) dalle televisioni alle connessioni mobili, in vista dello sviluppo del 5G.
Alla fine l'operazione tra Discovery e Radio Italia si è concretata, anche se non della direzione della concessione per la vendita degli spazi pubblicitari dell'emittente di Volanti (che si è invece riaccasata da Manzoni - Gruppo L'Espresso) o addirittura di una cessione di quote societarie, come si era parlato dalla primavera 2016.
Discovery chiude il 2016 con una raccolta pubblicitaria pari a 200 milioni di euro, in crescita del 14% circa rispetto all’anno precedente.
Dopo l’acquisizione a giugno dei diritti televisivi europei (esclusa la Russia) per la trasmissione dei giochi olimpici dal 2018 al 2024, Discovery starebbe cercando di girare in sublicenza l’esclusiva ad altre reti.
A partire dal 01/01/2017 sul territorio nazionale non possono più essere venduti televisori con le vecchie codifiche DVB-T/MPEG2 o MPEG4.