Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT & Radio. Tra due anni la maggior parte delle emittenti radiofoniche sarà sulla tv

Ovviamente non ci riferiamo alle nazionali, che in gran parte già presidiano la piattaforma digitale terrestre, quand'anche col solo flusso audio, ma alle superstation, alle radio interregionali e alle prime radio regionali o metropolitane.
Parliamo, in sostanza, delle 250/300 radio "che contano" in termini di audience e pubblictà nazionale (che, a sua volta, nell'arco dello stesso periodo peserà sempre di più nei bilanci) e che hanno capito che a dover essere colonizzato non è solo il web, ma anche il televisore di casa, posto che, nel 70% delle abitazioni degli italiani, è ormai l'unico sintonizzatore disponibile per i contenuti radiofonici (fuori i pc e i cellulari, naturalmente). Fermo restando il fatto, rimane da capire se sarà privilegiata la soluzione della cd. "radiovisione", cioè la traslazione del mero contenuto radiofonico in video (con corredo di filmati), il cobranding, cioè l'abbinamento di un logo radiofonico ad un contenuto che tale non è (sul modello di Radio Italia, Radio Capital Tv, m2o, ecc.) ovvero del mero sfruttamento del mux per trasportare il flusso audio. Stanti i precedenti, sembrerebbe che la soluzione premiante (in termini di riscontro, identità e costi) sia quella dell'integrazione video del contenuto radio, senza passare dal solito canale collettore di video musicale appellato col nome della stazione radiofonica, mentre quella del canale audio potrebbe avere un senso in presenza di un minimo supporto video (il "cartello" - allo stato dell'assetto normativo - presenta controindicazioni formali legate al divieto delle immagini fisse, sicché occorrerà munirsi di soluzioni digitali animate). I costi sono irrisori: con l'attuale disponibilità di banda, 2 MB (il taglio tipico di capacità) si possono acquistare anche a 5.000 euro + IVA/mese  (cioè le mere spese per il funzionamento di un impianto FM su Milano) in bacini di 10 mln di abitanti, mentre la soluzione audio-animata a 500 euro/mese + IVA. (E.G. per NL)
13/02/2017 15:46
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).