Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT. Rinnovo autorizzazioni FSMA rilasciate nel 2005

Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Secondo quanto previsto dal nuovo Regolamento relativo alla radiodiffusione televisiva terrestre in tecnica digitale, adottato dall’Agcom con delibera n. 353/11/CONS, l’autorizzazione ha una durata di dodici anni ed è rinnovabile per periodi successivi di uguale durata. La stessa si estingue automaticamente a 12 anni dal rilascio se non se ne sia fatta richiesta di rinnovo. La domanda di rinnovo deve essere presentata almeno trenta giorni prima della scadenza dell’autorizzazione stessa.  Per effettuare il rinnovo dell’autorizzazione, i titolari dell’autorizzazione per la FSMA sia in ambito locale che nazionale, dovranno effettuare il pagamento del contributo per le spese istruttorie come di seguito riportato: 1) FSMA nazionale € 7.000 per ciascuna domanda di autorizzazione relativa a ciascun programma; 2) FSMA nazionale comunitario € 3.500 per l’autorizzazione a carattere comunitario in ambito nazionale; 3) FSMA locale € 3.000, 4) FSMA locale limitata all'ambito provinciale € 0.500; FSMA locale di carattere cmunitario € 0.250. La struttura di competenze a più livelli Consultmedia (collegata a questo periodico) ha predisposto il consueto service di assistenza. Per informazioni: dr. Giovanni Madaro, tel. 0331/452183, studiomadaro@planetmedia.it. (E.G. per NL)

 

22/03/2017 11:06
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.
A riguardo dei gravissimi ritardi accumulati nell'erogazione dei contributi alle tv locali degli anni passati e sull'adozione del nuovo regolamento, Confindustria RTV ha fatto pervenire a Newslinet.it la lettera del Presidente dell’Associazione TV Locali Maurizio Giunco e delle OO.SS.LL SLC- CGIL, FISTEL –CISL, UILCOM/UIL al Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, che di seguito integralmente pubblichiamo.