Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria. Espresso: 14 mln di utile nei primi nove mesi, prosegue il processo di fusione con Itedi

Il Gruppo Espresso, nei primi nove mesi del 2016, ha registrato un utile di 14 milioni di euro mentre nel corrispondente periodo del 2015 i ricavi netti ammontavano a 24,6 milioni.
A consolidare la posizione finanziaria del gruppo di De Benedetti hanno contribuito l’incremento del 2,5% delle entrate pubblicitarie e l’incasso di 54 milioni di crediti commerciali. Importanti, inoltre, la politica dei tagli delle spese attuata anche da altri colossi dell’editoria che ha portato ad una riduzione dei costi industriali e dell’organico del 4,1% (dato sempre relativo ai primi nove mesi dell’anno). Nel frattempo, si va definendo il processo di fusione tra Itedi, proprietaria, fra gli altri, de Il Secolo XIX e La Stampa e il Gruppo Espresso che porterà sotto lo stesso marchio 3 quotidiani nazionali e 17 locali. L’accordo siglato il 1 agosto prevede il mantenimento del controllo del nuovo gruppo da parte di CIR della famiglia De Benedetti e l’inserimento di John Elkann e Carlo Perrone nel nuovo Consiglio di amministrazione. La normativa in materia di stampa stabilisce il rispetto della soglia del 20% della tiratura nazionale a garanzia del pluralismo e della libertà d’informazione, motivo per cui il gruppo Espresso a novembre ha ceduto i quotidiani Il Centro e La città di Salerno, venduti rispettivamente alla Centro spa e alla Edizioni Salernitane srl (nel 2015 era avvenuta anche la vendita di Deejay TV a Discovery). L’Antitrust non si è ancora pronunciata sulla fusione, in attesa che vengano definiti i dettagli di un’operazione che si realizzerà solo nei primi mesi del nuovo anno con closing previsto per marzo 2017. (M.R. per NL)

03/11/2016 10:31
 
NOTIZIE CORRELATE
Nello scorso mese di novembre non tutti i siti d’informazione italiani hanno ottenuto risultati positivi. Rispetto al mese precedente, Repubblica segnala una crescita di utenti del 4% per un totale di 1,56 milioni, a differenza del Corriere della Sera che con 1,08 milioni non registra sensibili variazioni (+0,1%) e della Stampa che accusa un pesante calo del 14,3%.
Chi legge i giornali lo fa sempre più spesso sul proprio telefonino. L'Acpm (Alliance pour le ciffres de la presse et des médias), incaricata di monitorare la diffusione della stampa in Francia, ha certificato il sorpasso del digitale (53%) sulla carta stampata (47%) per quanto riguarda le abitudini dei lettori, mentre, tra le persone che leggono i giornali sul web, il 41% utilizza uno smartphone e il 40% si avvale del pc.
La nuova edizione del “Codice di procedura penale annotato”, aggiornata ad ottobre 2016, è curata dai professori ordinari Enrico Marzaduri dell’Ateneo pisano e Alfredo Gaito dell’Università Sapienza di Roma.
Recentemente è scoppiata una nuova polemica che coinvolge la stampa italiana e il leader del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, scaturita da un post sul suo blog nel quale il comico suggerisce l’istituzione di una giuria popolare “che determini la veridicità delle notizie pubblicate dai media”.
Il settore dei media ha registrato nel quinquennio 2011 – 2015 forti contrazioni dei ricavi, con una perdita pari al 30% per l’editoria quotidiana e periodica e di oltre il 20% relativamente al settore delle telecomunicazioni.