Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria. Rcs, ricavi a 710 mln in nove mesi. Scendono perdite e indebitamento

Più di 100 mln di perdita in meno rispetto all’anno scorso e al contempo più di 100 mln in meno di debiti, nonostante i ricavi siano ancora in calo.
Si sono chiusi così i nove mesi di Rcs, la prima trimestrale firmata da Urbano Cairo che ha ottenuto la maggioranza del gruppo a luglio. Il rosso è infatti passato dai 126,4 mln del periodo omologo del 2015, ai 17,4 mln attuali. Un notevole miglioramento riconducibile, a dire della società, ad “azioni di contenimento costi” per 51,7 mln, 37,7 mln in Italia e 14 mln in Spagna. Grazie a questi tagli il margine operativo lordo, positivo per 40,4 mln è in miglioramento di 34,5 mln e, sul dato depurato dalle poste straordinarie, è già stato superato l’aumento atteso per il 2016. Per quanto concerne l’indebitamento finanziario, le cifre parlano di 382,9 mln con un decremento di 117 mln sui primi nove mesi del 2015 e di oltre 100 mln da inizio di quest’anno. Qui, oltre ai 46 mln arrivati dalla gestione tipica, ha contribuito anche la vendita di Rcs Libri. Per il presidente e AD Cairo, però, questo è solo un picco di partenza, anche perché le azioni che hanno comportato il miglioramento sui conti erano già state pianificate dal precedente AD Laura Cioli. Cairo ha iniziato la sua revisione praticamente ad agosto ed è dal trimestre in corso che si attendono i cambiamenti che ha già cominciato a impostare, sui risparmi, ma a questo punto soprattutto sull’incremento dei ricavi. Nella nota rilasciata dalla società, peraltro, si spiega che ci sarà una revisione dell’attuale piano di Rcs e forse addirittura un piano completamente nuovo come già annunciato dall’editore. In ogni caso sono riconfermati gli obiettivi già previsti per il 2016. Tra l’altro, Rcs ha registrato oneri per 8,3 mln per il cambio dell’assetto azionario e di management, da una parte per le attività, a fronte delle due offerte (di Cairo e dei soci storici attorno a Investindustrial) e dall’altra per il rinnovo del consiglio di amministrazione (compresi i 3,75 mln di buonuscita all’Ad Cioli). Sui ricavi il gruppo risulta ancora penalizzato, come detto, sia per il calo di pubblicità che per quello delle diffusioni. Nel consolidato i ricavi sono di 709,4 mln di euro, in calo del 4,5%, e di questi quelli pubblicitari ammontano a 318 mln, -2,9%, un decremento dovuto sprattutto all’area New Italia (Corriere e periodici a -9%, mentre la Spagna è a -3%). Bene però i ricavi dell’area Sport, che nell’anno degli Europei e delle Olimpiadi, in quanto a pubblicità, ha guadagnato un +15,5% con la Gazzetta dello Sport, +11% con Marca e +21% con Rcs Sport (Giro d’Italia, Color Run e Dubai Tour). Per i ricavi editoriali, invece, la cifra si assesta a 290,8 mln con un calo del 10,2% “principalmente per il diverso piano editoriale dei collaterali”, solo in parte compensato dall’aumento di prezzo di Gazzetta ed El Mundo. Per quanto concerne la Borsa, il titolo Rcs ha chiuso la settimana scorsa con un -1,22% a 0,973 euro. (S.F. per NL)
14/11/2016 16:22
 
NOTIZIE CORRELATE
Nello scorso mese di novembre non tutti i siti d’informazione italiani hanno ottenuto risultati positivi. Rispetto al mese precedente, Repubblica segnala una crescita di utenti del 4% per un totale di 1,56 milioni, a differenza del Corriere della Sera che con 1,08 milioni non registra sensibili variazioni (+0,1%) e della Stampa che accusa un pesante calo del 14,3%.
Chi legge i giornali lo fa sempre più spesso sul proprio telefonino. L'Acpm (Alliance pour le ciffres de la presse et des médias), incaricata di monitorare la diffusione della stampa in Francia, ha certificato il sorpasso del digitale (53%) sulla carta stampata (47%) per quanto riguarda le abitudini dei lettori, mentre, tra le persone che leggono i giornali sul web, il 41% utilizza uno smartphone e il 40% si avvale del pc.
La nuova edizione del “Codice di procedura penale annotato”, aggiornata ad ottobre 2016, è curata dai professori ordinari Enrico Marzaduri dell’Ateneo pisano e Alfredo Gaito dell’Università Sapienza di Roma.
Recentemente è scoppiata una nuova polemica che coinvolge la stampa italiana e il leader del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, scaturita da un post sul suo blog nel quale il comico suggerisce l’istituzione di una giuria popolare “che determini la veridicità delle notizie pubblicate dai media”.
Il settore dei media ha registrato nel quinquennio 2011 – 2015 forti contrazioni dei ricavi, con una perdita pari al 30% per l’editoria quotidiana e periodica e di oltre il 20% relativamente al settore delle telecomunicazioni.