Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria
Profondo rosso in casa Rcs nel 2015: il Cda approva i risultati operativi di un anno da dimenticare. Fatturato giù del 3% e sale l’indebitamento finanziario. Unica nota positiva: cresce il paywall con 30000 abbonati.
 
Ricavi consolidati pari a 325 milioni di euro, in crescita di 12,6 milioni di euro, per un progresso del 4%; tutto in continu­ità con la positiva dinamica iniziata nel 2014, grazie alla scelta strategica implementata di creare un sistema multimediale con una filiera di nuo­vi quotidiani digitali specializzati, pienamente integrati con il Sole 24 Ore, che determinano una cresci­ta dei ricavi da contenuti informati­vi digitali ad alta redditività.
 
A margine di un’intervista l’imprenditore piemontese, azionista di Rcs, auspica che questa realizzi al più presto un piano editoriale per rimanere al passo con la concorrenza. Inoltre conferma: “Voglio restare nella televisione”.
 
Il CdA di Cairo Communi­cation ha approvato il 14 marzo il bilancio consolidato del 2015, che conferma i dati già riportati nel resoconto interme­dio di gestione al 31 dicembre approvato il 12 febbraio scorso.
 
Il cda del gruppo Caltagi­rone Editore ha esaminato e approvato ve­nerdì scorso il progetto di bilan­cio relativo all’esercizio chiuso al 31 dicembre 2015.
 
Mese magro anche per la stampa, quello di gennaio, con un calo generalizzato del -2,3% (raffronto sul 2015), con però la sopresa di una lieva ripresa del comparto dei quotidiani.
 
Dalla Camera il primo passo per l’istituzione del Fondo per il pluralismo e l’innovazione dell’informazione. Stabiliti i requisiti per l’accesso al fondo e la sua copertura: ora il testo passa al Senato.
 
Nuovo polo editoriale da 750 mln di ricavi 800 mila copie diffuse in arrivo a seguito dell’acquisizione da parte di Espresso di Itedi; difficile identificare con certezza le ragioni dell’operazione. Ora la palla passa alle autorità per verificare eventuali minacce alla concorrenza.
 
Lo dice un emendamento di Sel approvato dalla commissione Cultura della Camera: lo 0,1% dei ricavi delle concessionarie finanzierà il mondo editoriale; previste anche alcune modifiche al sistema pensionistico.
 
In questo libro Letizia Ciancio, psicologa e comunicatrice, guida il lettore in un viaggio multidimensionale intorno al tema generazionale sia paterno sia materno, osservati ed analizzati sotto la triplice lente dell’antropologia, della storia e della psicologia.