Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Internet. Come e quanto ci connettiamo? Risponde il Digital Index UE

Come si evolve la società e l’economia nell’era digitale? Questa la domanda fondamentale cui cerca di rispondere il Digital economy and society index (Desi) pubblicato dalla Commissione Europea.
Ieri è stato reso disponibile il report del 2016 che fotografa un trend crescente dell’utilizzo di internet: in un anno il traffico è cresciuto del 20% da desktop e di oltre il 40% sulle reti mobili. I cittadini europei connessi sono un numero sempre maggiore e restano connessi per più tempo potendo contare sull’affidabilità di una banda larga super veloce: il 76% dei cittadini europei si connette almeno una volta a settimana (+ 3% rispetto al 2013). Nella torta delle attività effettuate online dagli utenti le fette più grosse sono rappresentate da intrattenimento e informazione: il 78% del campione scarica videogame, musica e film, mentre il 70% legge news (+6% rispetto al 2013). Aumenti percentuali notevoli anche per gli acquisti online che vengono effettuati dal 66% del campione con un aumento di 5 punti percentuali rispetto al 2013. Sempre più europei si interfacciano tra loro e con enti pubblici attraverso i mezzi di comunicazione online: la popolazione europea dei social è cresciuta del +6% coinvolgendo il 63% del campione, mentre il 39% degli utenti fa chiamate vocali via internet (+3%), infine il 34% ha rapporti documentali con le pubbliche amministrazioni via web (+7%). In aumento modesto (+3%) anche la percentuale di persone che usufruisce dei servizi bancari tramite home banking che corrisponde al 59% del campione. Per quel che riguarda le aziende, sono le grandi imprese a investire maggiormente in tecnologie per archiviare e scambiare informazioni, nonché inviare fatture, mentre per le PMI – aziende con le maggiori difficoltà economiche e strutturali - il “commercio elettronico” cresce lentamente (14% nel 2013 e 17% nel 2016) e non riesce a supportare adeguatamente l’apertura di mercati di esportazione. Sebbene il tasso di digitalizzazione sia crescente nelle economie e società di tutta Europa, i livelli di integrazione di Internet nella vita quotidiana e nelle attività produttive sono diversi nei vari paesi del Vecchio Continente: in testa alla classifica del ranking paesi del nord Europa come Danimarca, Finlandia e Svezia; fanalino di coda l’Italia assieme Grecia e Romania. Gli stati europei dove si registra la crescita digitale maggiore sono la Slovacchia e la Slovenia, il cui tasso di incremento è doppio rispetto alla media europea. La crescita coinvolge le nuove generazioni, ma lascia indietro i cittadini già a digiuno delle competenze digitali minime: il 44% della popolazione non è in grado di inviare una email o scrivere un documento digitale. Il quadro fotografato dal Dise serve all’UE per pianificare le politiche economiche e sociali digitali: alla Commissione non sfugge la necessità vitale per tutti i cittadini e tutti i tipi di business di avere a disposizione una connessione veloce, affidabile e di qualità, pertanto, da un lato, metterà a disposizione dei comuni finanziamenti per infrastrutture per il wi-fi gratuito negli spazi pubblici, dall’altro lato si prepara a investire sullo sviluppo delle reti G5. (V.D. per NL)
06/03/2017 16:01
 
NOTIZIE CORRELATE
L’Italia è ultima in termini di evoluzione digitale della propria economia: lo dice il rapporto Digital Economy Society Index, presentato recentemente a Bruxelles.
Il fenomeno del “digital divide” (divario esistente tra chi ha accesso alle tecnologie dell’informazione e chi invece ne è escluso, in parte o del tutto) è stato notevolmente ridotto, ma preoccupante è la questione riguardante i ritardi cronici in termini di realizzazione delle infrastrutture necessarie per le comunicazioni a banda larga nelle zone a fallimento di mercato a causa di procedimenti di rilascio dei permessi da parte degli enti amministrativi troppo lunghi.
Attraverso un post sul blog aziendale firmato da Kent Walker, vice presidente di Google, l’azienda di Mountain View risponde alla Commissione UE: per loro non c’è alcun abuso di posizione dominante.
La Commissione Europea ha presentato una nuova proposta per l’abolizione dei sovrapprezzi sul roaming all’interno della Comunità entro giugno 2017, dopo aver scartato la precedente a causa delle diverse lamentele.
Ha avuto vita breve la proposta della Commissione Europea per introdurre il roaming gratuito all’interno dei paesi della comunità europea entro la metà del 2017, già ritirata nella notte fra l’8 e il 9 settembre.