Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Internet. Streaming illegali: magistratura romana sequestra 152 siti di film e sport

Maxi sequestro del Tribunale di Roma 152 siti web che diffondevano via internet servizi “piratati” che consentivano all’utente della rete di assistere gratuitamente alla visione di film o di eventi sportivi.
Il giudice per le indagini preliminari Alessandra Boffi, accogliendo una richiesta della Procura della Repubblica di Roma, ha disposto il sequestro preventivo, mediante oscuramento, di quei siti che violano la normativa a tutela del diritto d’autore per l’abusiva diffusione dell’offerta on-line del prodotto. Il procedimento penale, al momento contro ignoti, aveva preso il via dopo una segnalazione del Nucleo Speciale per la Radiodiffusione e l’Editoria della Guardia di Finanza. Il decreto del gip è stato notificato ai diversi provider utili per l’accesso ad internet in Italia. Si tratta del sequestro più significativo nella storia di internet per l’elevato numero dei siti chiamati in causa. (E.G. per NL)
09/11/2016 07:32
 
NOTIZIE CORRELATE
Spotify registra una forte crescita nell’ultimo semestre e raggiunge i 50 milioni di abbonati, distanziando Apple Music, fermo a 20 milioni di sottoscrizioni.
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Dal prossimo anno l’accesso ai contenuti in streaming di servizi SVOD sarà libero fra i paesi europei: questo è il contenuto nel recente accordo raggiunto da Parlamento e Consiglio Europeo.
Oltre all’aspetto primario di utilizzo musicale, ci sono altri aspetti che derivano dallo streaming e dall’utilizzo di tale servizio. Anzitutto la platea che si apre agli autori che si avvalgono anche dei servizi in streaming per la diffusione delle loro creazioni è quella degli internauti e quindi potenzialmente l’intero mondo di Internet.
Watchup è un’applicazione fondata nel 2012 da Adriano Farano che consente agli utenti di costruire un telegiornale personalizzato, scegliendo i propri video tra quelli delle fonti d’informazioni che aderiscono al progetto.