Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pubblicità, Germania. Schubert: la politica danneggia il mercato pubblicitario

In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
La colpa di questo freno al picco economico, secondo Schubert, è quasi esclusivamente da attribuire ad una mania del politicaly correct, che dilaga fra tutti i componenti di ogni partito presente in Germania e che trascina le istituzioni nella generazione di un vortice infinito di divieti in difesa dei consumatori; come conseguenza diretta, si ottengono attriti e tensioni tra le due parti che portano pertanto, ad un blocco finanziario. I tedeschi saprebbero benissimo difendersi da soli senza che i loro politici si sentano in obbligo di concepirli come bambini, questa almeno è la tesi portata avanti da Schubert. “Dobbiamo sempre trattare con la classe politica: proprio la Zaw, l’altr’anno, ha attuato un’indagine per accertare di quanto aumenti il fatturato annuo (somme alla mano) grazie ad una campagna pubblicitaria, con l’unico scopo di dimostrare come non sia assolutamente utile bloccare di continuo la pubblicità, senza nessuno scrupolo né informazione, a riguardo”. Nel corso degli anni, essa è divenuta sempre più attenta e adatta alle preoccupazioni sociali come nel caso di spot rivolti ai bambini: “abbiamo riscontrato in passato, pubblicità offensive, dove si prevaricava nettamente il senso del buon gusto ed addirittura discriminatorie, ma è proprio a causa di esse che esiste il nostro Werberat (l’ordine per l’autocontrollo interno), senza che debba intervenire il legislatore: questo perché non abbiamo bisogno di una politica dirigistica ma che al contrario, sappia accogliere i nostri intenti”. Ed invece, appena l’Organizzazione mondiale della Sanità lancia un allarme qualsiasi, la politica interviene subito compiendo disastri, chiedendo divieti ed incitando proibizioni per le pubblicità di alcolici, tabacchi, cosmetici e così via; eppure si tratta pur sempre di prodotti regolamentati e messi in vendita nel rispetto delle leggi tedesche. Se un prodotto alimentare viene messo in vendita, significa che ha superato tutti gli standard obbligatori per la grande distribuzione e quindi è possibile pubblicizzarlo, senza esagerare (riconosce Schubert) e senza che la stessa pubblicità risulti ingannevole. Ovviamente è chiaro a tutti che “nessuno si nutrirà solo di biscotti, il che chiaramente dannoso, a causa di uno spot pubblicitario”. In ultimo, proprio recentemente è stato possibile riscontrare quanto la politica voglia (e possa) controllare anche la parte riguardante la raccolta dei dati sui consumatori per tutelarne la privacy: “si è consapevoli del fatto che non si debba assolutamente approfittarne, ma conoscere il mercato ed i gusti del cliente è una questione di vitale importanza per qualsiasi attività dalla notte dei tempi. Anche il droghiere all’inizio del secolo scorso metteva in vetrina i prodotti che sapeva di poter vendere più facilmente. La pubblicità via internet non viola la sfera privata e se usato con intelligenza, risulta senza dubbio un notevole strumento in espansione”. (E.M. per NL)

24/03/2017 10:51
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.
Dal 2018 scompariranno gli spot pubblicitari di 30 secondi su YouTube e Google ha reso noto di “volersi concentrare sui formati che vadano bene sia per gli utenti che per i clienti”.
Nell’era del web 2.0 il superlativo assoluto del successo di una pubblicità non si costruisce con l’aggettivo “planetario”, ma con “virale”.
La multinazionale francese Publicis Groupe si piazza al primo posto nella classifica mondiale delle agenzie pubblicitarie: con ben 10 punti assegnati, l’agenzia italiana del gruppo a nome di Publicis Italia è in testa davanti all’agenzia storica Ogilvy & Mather (2 punti), DLV BBDO, la Havas della famiglia Bolloré e We Are Social che rispettivamente si vedono invece assegnare tutte un solo punto (dati di Gunn Report for Media, indagine annuale che classifica le migliori agenzie di 40 paesi in campo pubblicitario).