Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pubblicità. Publicis è la miglior agenzia pubblicitaria al mondo

La multinazionale francese Publicis Groupe si piazza al primo posto nella classifica mondiale delle agenzie pubblicitarie: con ben 10 punti assegnati, l’agenzia italiana del gruppo a nome di Publicis Italia è in testa davanti all’agenzia storica Ogilvy & Mather (2 punti), DLV BBDO, la Havas della famiglia Bolloré e We Are Social che rispettivamente si vedono invece assegnare tutte un solo punto (dati di Gunn Report for Media, indagine annuale che classifica le migliori agenzie di 40 paesi in campo pubblicitario).
Il valore del mercato pubblicitario in Italia è di 7,5 mld di euro e occupa l’undicesimo posto mondiale per dimensione e la ventiquattresima (come nel 2015) posizione in merito al valore della creatività (la prima posizione è invece occupata dagli Stati Uniti con un valore di mercato pubblicitario pari a 190 mld di dollari, 180 mld di euro). E’ in questo contesto che l’agenzia francese diretta da Bruno Bertelli (divenuto CEO di Publicis Italia nel 2014 e Global Chief Creative Director di Publicis worldwide nel 2016) appare come la più premiata al mondo (ormai dal 2012) e questo anche grazie al gruppo del beverage olandese Heineken (vincitore di cinque leoni per la campagna pubblicitaria intitolata “The dilemma Heineken”) che l’anno scorso è stato l’inserzionista maggiormente premiato guadagnandosi la prima posizione (nel 2015 occupava la sesta) con ben 90 punti, superando così brand di fama internazionale come Coca Cola e McDonald’s. Il marchio Heineken è cliente del network francese dal 2015 ma il fulcro del lavoro relativo alla comunicazione globale è a Milano ed è composto da una squadra che ha il compito di ideare e coordinare quotidianamente tutte le operazioni legate al settore. Di questo Bertelli ne ha tenuto conto: infatti non ha tardato a ringraziare tutti i collaboratori che ne hanno fatto parte. “Sono davvero orgoglioso degli ottimi risultati ottenuti in questi anni, che hanno portato anche il nostro cliente Heineken ad ottenere un risultato incredibile con un salto di cinque posizioni rispetto all’anno precedente”, ha affermato Bertelli, aggiungendo: “Voglio ringraziare tutta la mia squadra ed in particolare l’ottimo lavoro realizzato da Cristina Boccassini (creativa italiana più premiata al mondo, insieme a Bertelli, Ndr), Luca Cinquepalmi e Marco Venturelli”. (L.M. per NL)

23/02/2017 11:27
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.
Dal 2018 scompariranno gli spot pubblicitari di 30 secondi su YouTube e Google ha reso noto di “volersi concentrare sui formati che vadano bene sia per gli utenti che per i clienti”.
Nell’era del web 2.0 il superlativo assoluto del successo di una pubblicità non si costruisce con l’aggettivo “planetario”, ma con “virale”.