Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pubblicità, UK: fatturato in crescita per la WPP di Sorrell. Dopo Brexit si investe nella UE

La WPP, colosso nel campo pubblicitario, ha concluso il terzo trimestre dell’anno con una crescita del fatturato del 23,4% (per circa 4 miliardi di euro) in linea con i primi sei mesi del 2016.
Il trend positivo ha sorpreso le previsioni degli analisti con un fatturato annuo che è aumentato del 15,8% (dato relativo ai primi nove mesi). Intanto l’azienda londinese ha deciso di investire anche nella pubblicità programmatica. Attraverso la controllata Xaxis ha definito l’acquisizione della Triad Retail Media, leader nel settore del digital retail marketing, che nel 2015 ha registrato ricavi netti per 120 milioni di dollari. Nonostante i segnali positivi, tuttavia, gli effetti della Brexit si sono fatti sentire anche nel settore pubblicitario in Uk. Il fondatore di WPP, Martin Sorrell, denuncia un “rallentamento dell’attività economica e decisionale” oltre ad un calo degli investimenti dovuti all’incertezza post-brexit. In attesa che venga concretizzata l’uscita dalla UE, la WPP punta ad investire in Spagna, Italia, Germania e Francia per ammortizzare gli aumentati costi di produzione nel Regno Unito. Proprio in questo senso va letta l’acquisizione nei mesi scorsi di Conexance, società francese specializzata nell’analisi dei comportamenti dei consumatori. (M.R. per NL)

04/11/2016 11:12
 
NOTIZIE CORRELATE
Dal 2018 scompariranno gli spot pubblicitari di 30 secondi su YouTube e Google ha reso noto di “volersi concentrare sui formati che vadano bene sia per gli utenti che per i clienti”.
Nell’era del web 2.0 il superlativo assoluto del successo di una pubblicità non si costruisce con l’aggettivo “planetario”, ma con “virale”.
La multinazionale francese Publicis Groupe si piazza al primo posto nella classifica mondiale delle agenzie pubblicitarie: con ben 10 punti assegnati, l’agenzia italiana del gruppo a nome di Publicis Italia è in testa davanti all’agenzia storica Ogilvy & Mather (2 punti), DLV BBDO, la Havas della famiglia Bolloré e We Are Social che rispettivamente si vedono invece assegnare tutte un solo punto (dati di Gunn Report for Media, indagine annuale che classifica le migliori agenzie di 40 paesi in campo pubblicitario).
Si preannuncia un buon 2017 per le televisioni commerciali, o almeno così credono i due grandi broadcaster generalisti Rai e Mediaset, a giudicare i costi di listino che uno spazio pubblicitario medio richiede e che mostrano una crescita repentina, netta e stabile.
Il mercato pubblicitario del Regno Unito non ha subìto contraccolpi dall’effetto Brexit. Nel terzo trimestre del 2016, cioè nel periodo post-referendum, gli investimenti nell’advertising sono cresciuti del 4,3% (rispetto ai tre mesi precedenti) e per il 2017 è previsto un aumento attorno al 3,2%.