Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pubblicità. Zenith Optimedia: nel 2020 il sorpasso dei social sui giornali

Secondo le previsioni rilasciate dal report Advertising Expenditure Forecasts, pubblicato recentemente da Zenith Optimedia, gli investimenti pubblicitari globali sui social media aumenteranno del 72% tra il 2016 e il 2019, passando da 29 mld di dollari (27 mld di euro) a 50 mld di dollari (46,5 mld di euro).
Le campagne sui social media varranno così il 20% dell’intera spesa internet nel 2019, in crescita dal 16% del 2016. Il loro valore sarà inferiore solamente dell’1% rispetto a quello della pubblicità sui quotidiani (50,2 mld di dollari statunitensi per i social media rispetto ai 50,7 mld di dollari per i quotidiani, rispettivamente 46,7 e 47,2 mld di euro). Dal 2020 in avanti, i social media mostreranno un sopravanzo sui quotidiani in termini di investimento pubblicitario, sempre secondo le previsioni della società del gruppo Publicis (multinazionale francese che si occupa di pubblicità, comunicazione e marketing) che attende anche un altro significativo aumento: quello dei video online. La pubblicità video online palesa una crescita a tassi simili a quelli dei social media (18% annuo) e nel 2019 raggiungerà i 35,4 mld di dollari a livello mondiale (32,9 mld di euro), superando di pochissimo la spesa pubblicitaria raccolta dalla radio (35 mld di dollari o 32,6 mld di euro). Entro il 2019, tuttavia, i video online continueranno a valere meno della spesa pubblicitaria in televisione, in particolare peseranno un quinto (18%). In generale, Zenith prevede una crescita del mercato del 4,4% nel 2017, stesso tasso di crescita atteso per il 2016. Si tratta di una performance tutt’altro che scontata (tanto è vero che stime di altri istituti attendono un calo della spesa): l’inaspettato risultato del referendum in Regno Unito circa l’uscita dall’Europa e l’esito delle elezioni presidenziali americane hanno comportato la crescita di una diffusa incertezza politica e aumentato il rischio di restrizioni agli scambi internazionali. Il 2017, peraltro, vede un duro confronto con il 2016, anno in cui la spesa è stata assolutamente provante in seguito alle elezioni americani, alle Olimpiadi estive e ai campionati europei di calcio. Zenith attende infine una crescita costante nella spesa pubblicitaria globale per gli anni successivi al 2017, con un 4,4% di aumento atteso nel 2018 e un 4,1% nel 2019. (S.F. per NL)
19/12/2016 18:06
 
NOTIZIE CORRELATE
Secondo i dati Nielsen, nei primi 11 mesi del 2016 in Italia la raccolta pubblicitaria è cresciuta dell'1,7% rispetto al medesimo periodo dell'anno precedente, ma se si prendono in considerazione anche i dati relativi a search e social, settori non monitorati nella ricerca, allora il risultato potrebbe essere vicino al +3,7%.
Zuckerberg, sfruttando un sistema già usato da YouTube con grandi risultati, nei prossimi mesi avrebbe intenzione di pubblicare inserzioni pubblicitarie all'interno dei contenuti video di Facebook.
A ottobre i siti dei più importanti operatori televisivi hanno avuto un incremento di utenti giornalieri. Secondo i dati Audiweb, rispetto al mese di settembre c’è stato un +1,7% con 20,4 milioni di utenti connessi da mobile e 10,7 milioni da pc.
Diverse questioni sul piatto dello Iab Forum di Milano, con in testa la problematica dei bot riferita all’advertising online ma, soprattutto, l’importanza dell’economia digitale che oggi produce complessivamente 53 miliardi.
Anche in Italia non accenna a fermarsi il dibattito in merito alla regolamentazione della pubblicità online: dopo che in Francia l'Uda (Union des announceurs) ha minacciato di ricorrere all'Antifrode nel caso in cui la legge Sapin del 1993 non venga estesa anche al web, anche Lorenzo Sassoli de Bianchi, presidente dell'associazione italiana degli enti pubblicitari, ha voluto entrare nella questione, lanciando un progetto di Libro bianco della trasparenza pubblicitaria.