Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio. 105 compie 40 anni (16/02/1976-16/02/2016) e festeggia alla grande

La rete nazionale Radio 105, di proprietà del gruppo milanese Finelco (le cui quote di minoranza - con opzione per la maggioranza - sono state recentemente acquisite da Mediaset), domani compirà 40 anni e festeggerà con musicisti, scrittori, attori e storici dj dell'emittente.
"I dj ci saranno proprio tutti - fanno sapere da Largo Donegani -: Marco Galli, Pizza, Mitch, Squalo, Bettina, Carlotta, Tony Severo, Rosario Pellecchia, Daniele Battaglia, Marco Mazzoli e tutto Lo Zoo di 105, Alvin, Dj Giuseppe, Gianluigi Paragone, Mara Maionchi, Ylenia, Paolino, Martin, Kris & Kris, Fabiola, Dario Spada, Laura Gauthier, Gli Autogol".  Una veste sonora creata ad hoc incornicerà diversi momenti di spettacolo e offrirà il pretesto per riascoltare brani che negli ultimi 40 anni Radio 105 ha contribuito a lanciare e che all’emittente sono strettamente legati. Tantissimi i vip che prenderanno parte ai festeggiamenti in studio: Alex Britti, Elenoire Casalegno, Dolcenera, Mondo Marcio, Francesco Sarcina, Fedez, Irene Fornaciari, Edoardo Bennato, Nesli, J Ax, Michele Serra, Beppe Severgnini, Ficarra e Picone, Benedetta Parodi, Marco Bianchi e molti altri. Non riusciranno a essere presenti, ma raggiungeranno i programmi via telefono, tra agli altri, Jovanotti, Giuliano Sangiorgi, Elio e Le Storie Tese (che a Sanremo hanno raccontato di dovere a Radio 105 il loro successo), Piero Pelù, Leonardo Pieraccioni, Diego Abatantuono, Max Biaggi e molti altri. L’intera giornata sarà trasmessa in diretta streaming su 105.net. (E.G. per NL)

15/02/2016 10:45
 

Compleanno 105 ma i DJ storici non si sono sentiti!!

Peccato non aver sentito i DJ storici ..........
 

Valerio Gallorini

NOTIZIE CORRELATE
Le televisioni non sopravvivono più solo con la pubblicità e cercano nuovi modelli di business. Le emittenti televisive stringono la cinghia: Mediaset ha dichiarato l’obiettivo di risparmio di 123 milioni di euro entro il 2020, mentre, secondo quanto riporta Italia Oggi, il canale francese Tf1 si prefigge di risparmiare 25-30 milioni di euro ogni anno.
Pubblicati i dati risultanti dalle rilevazioni sugli ascolti radiofonici di Radio Monitor by Eurisko (ultima tornata in attesa della successione della Tavolo Editori Radiofonici srl nell'indagine) e relativi al secondo semestre 2016, dai quali spicca il dato riguardante le emittenti Mediaset: il Biscione arriva a controllare un quarto degli ascolti radiofonici nel giorno medio (attraverso le emittenti di proprietà R101, Virgin Radio e Radio 105 e senza considerare quelle commercializzate: Radio Kiss Kiss, RMC, Subasio e Norba), confermando le preoccupazioni della concorrenza (in particolare di Linus, direttore di Radio Dee Jay).
Premium è il motivo del rosso di Mediaset: è questa la conclusione chiara che si evince dal rapporto Mediobanca sui prossimi anni che aspettano il Biscione; nel frattempo, l’affaire con Vivendi è ancora in attesa di ulteriori sviluppi.
Il governo si prepara a “omogeneizzare la normativa italiana a quelle più stringenti di altri paesi europei, come ad esempio la Francia” in tema di scalate nelle società quotate in borsa o, almeno, così sostiene il relatore del ddl concorrenza Salvatore Tomaselli.
Presentate il 18/01 a Londra le Linee guida di sviluppo Mediaset: atteso al 2020 un miglioramento dell'EBIT di 468 milioni nelle attività media italiane. Raccolta pubblicitaria 2016 in crescita del 4,0%.