Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio e TV
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
 
Con sentenza in data 289/16 del 22/12/2016 il Tribunale di Brescia, Sez. Speciale Impresa, su istanza della Banca Monte dei Paschi di Siena, ha dichiarato il fallimento della s.p.a. Servizi Tv, con sede in Roncadelle (Bs), Via Villanuova 38, avente oggetto sociale il "commercio all'ingrosso di preziosi ed oggetti di porcellana, tappeti e mobili".
 
“Non vi sono frequenze sufficienti per permettere l’avvio del digitale a regime nei 23 bacini non ancora pianificati”; a dirlo non è uno dei tantissimi scettici del DAB+, la radio “digitale”, ma Marco Rossignoli, coordinatore di Aeranti-Corallo, supporter della tecnologia numerica terrestre di radiodiffusione sonora.
 
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".
 
Le emittenti radiofoniche interessate stanno ricevendo in questi giorni il modulo d'adesione alla prima indagine sull'ascolto radiofonico italiano gestita dalla milanese TER - Tavolo Editori Radiofonici srl, la nuova società di diritto privato che si occuperà della raccolta e dell'elaborazione sull'audiance del medium.
 
"A febbraio inoltrato non si ha ancora chiarezza sui conti dell’anno 2016 nè sul testo di rinnovo della concessione di servizio pubblico radiotelevisivo".
 
Un altro anno è passato e la radio digitale terrestre in Italia (così come in molti altri paesi europei) rimane poco più di un intento. Così, mentre il broadcasting IP sta galoppando un po' ovunque, da noi si assiste alla lotta con armi spuntate per la destinazione del canale 13, considerato come l'illusoria soluzione alla ventennale empasse di una tecnologia che, dopo oltre 30 anni dalla sua presentazione, non è ancora riuscita ad affermarsi.
 
Ottimi riscontri per i canali di Boing Editore (Boing e Cartoonito, nati dagli accordi tra Turner e Rti Mediaset) che chiudono il 2016 con la best performance di sempre in termini di ascolti, secondo quanto dichiarato da una nota diffusa lo scorso 27 gennaio.
 
Pubblicati gli aggiornamenti relativi alle regioni Marche, Toscana, Campania e Calabria delle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
 
Il governo si prepara a “omogeneizzare la normativa italiana a quelle più stringenti di altri paesi europei, come ad esempio la Francia” in tema di scalate nelle società quotate in borsa o, almeno, così sostiene il relatore del ddl concorrenza Salvatore Tomaselli.