Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio. In USA l'online rappresenta già il 57% degli ascolti

Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Questo è quanto emerge dai dati della società di ricerca comScore, perfettamente in linea con quanto sostiene eMarketer, secondo cui, nel 2016, sono stati 176,7 milioni ogni mese gli americani che hanno ascoltato emittenti radiofoniche online, per un incremento del 4% rispetto all’anno precedente; secondo le stime, questo numero arriverà supererà i 190 milioni nel 2019. Non è quindi un segreto come la web radio (o, meglio, il webcasting) sia un fenomeno da tenere d’occhio e ne è ben consapevole anche IAB, associazione di categoria che, negli Stati Uniti, rappresenta oltre 600 società attive nel settore pubblicitario con le quali ha redatto un white paper (cioè un rapporto informativo) dal titolo “Digital audio buyer’s guide”, con lo scopo di indirizzare i suoi associati nella comprensione delle dinamiche d’investimento per l'IP Radio che, insieme alla musica online, oltreoceano, già oggi rappresenta il 57% degli ascolti radiofonici. La stessa iniziativa, adesso, si sta lentamente avviando anche in Italia: sempre IAB, infatti, attraverso la sua declinazione italiana (IAB Italia), sta radunando le più interessate concessionarie del Belpaese, come Manzoni, RAI e Mediamond, in compagnia delle società di rilevazione (come Nielsen, nota in Europa per i suoi rapporti sulle audience web, che in USA già si dedica nello specifico anche alle radio online) ed ai più grandi player dello streaming, in pole position Spotify. Se, come sempre avvenuto nella nostra storia dalla seconda metà del ‘900, le innovazioni statunitensi arriveranno, prima o poi, anche in Italia, il fenomeno è prossimo ad esplodere, per poi continuare a crescere senza sosta con lo sviluppo del segmento automotive online e della maggior pervasività delle reti all’interno dell’ambiente domestico. (E.V. per NL)
13/02/2017 15:14
 
NOTIZIE CORRELATE
Spotify registra una forte crescita nell’ultimo semestre e raggiunge i 50 milioni di abbonati, distanziando Apple Music, fermo a 20 milioni di sottoscrizioni.
Dibattito acceso su una pagina Facebook dedicata agli operatori radiofonici dopo la pubblicazione di un sommario report dei dati d’ascolto delle web radio di RadioMediaset (polo radiofonico del Biscione cui fanno riferimento le emittenti nazionali Radio 105, Virgin e R 101) accessibili (fino a quel momento) su una sezione specifica del portale United Music, che gestisce il pool di web radio.
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Dal prossimo anno l’accesso ai contenuti in streaming di servizi SVOD sarà libero fra i paesi europei: questo è il contenuto nel recente accordo raggiunto da Parlamento e Consiglio Europeo.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.