Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio locali, nord Italia. Giù l'interruttore per Up Radio: arriva Radio Freccia

Spezzatino di frequenze servito ieri pomeriggio: sul reticolo di frequenze di Up Radio sono comparse RTL 102,500 (per quanto riguarda la potente 101,900 MHz di Milano) e Radio Freccia (sulla rete a 95.000-95,100-95,200 MHz in varie province lombarde e piemontesi e sulla rete a 96,300 MHz in Piemonte).
Si conclude così la fugace avventura di Up Radio, la stazione voluta dal patron delle Rubinetterie Nobili (Novara) qualche anno fa, rilevando l'antica Punto Radio 96 di Novara (96,300 MHz dal Monte Mottarone, sopra il Lago Maggiore) e integrandola con importanti acquisizioni impiantistiche (101,900 MHz da Milano Via Silva, storica frequenza di Radio Reporter e prima ancora di Radio Stramilano e l'intreccio frequenziale intorno ai 95 MHz di Radio Planet, con fulcro sui 95,100 MHz pure dal Mottarone). La stazione, nonostante i corposi investimenti dell'editore-imprenditore, non è mai riuscita a sfondare nell'etere, forse anche a causa di una linea editoriale non particolarmente distinta, un nome "difficile" ed un'azione commerciale probabilmente non incisiva. Sta di fatto che, da ieri, sulle sue frequenze hanno fatto la comparsa due prodotti del gruppo RTL: Radio Freccia, la rock station domiciliata a livello amministrativo sulla concessione ex Radio Padania e l'emittente principale dei Very Norman People, che ha lasciato alla nuova creatura di Lorenzo Suraci l'importante frequenza 91,400 MHz dal grattacielo Breda (la stazione era già presente in città anche sui 91,200 MHz), acquisendo al suo posto i 101,900 MHz, più prossimi agli istituzionali 102,500 MHz. Con le frequenze di Up Radio, Freccia fa quindi la comparsa in numerose aree della Lombardia e del Piemonte. (M.L. per NL)
22/11/2016 07:53
 

Radio e buchi nell'acqua

Dopo una lenta agonia, l'ennesimo capriccio di un milionario, che di radio non capisce niente, annega miseramente...

Valerio Gallorini

NOTIZIE CORRELATE
Nel viaggio tra le emittenti italiane assistite da Consultmedia (struttura di competenze a più livelli collegata a questo periodico), ci spostiamo questa volta in Piemonte, precisamente nella "Provincia granda", a Cuneo.
Iniziamo con una radio interregionale del Sud Italia un lungo viaggio tra le emittenti assistite da Consultmedia, struttura di competenze a più livelli in ambito mediatico (collegata a questo periodico).
RTL 102.5 registra, nel 2016, una raccolta pubblicitaria pari a 54 milioni di euro, in leggera flessione sul 2015, ma a fronte di previsione più fosche (si stimava un -10% su un anno che era andato molto bene anche grazie alle Olimpiadi di Rio), il consuntivo è decisamente positivo.
"RTR 99, la radio romana "fuori dal coro" che modula sui 99.0 Fm, ringrazia tutti i suoi ascoltatori per la straordinaria partecipazione alla raccolta fondi per Amatrice".
Gira e gira, i player sono sempre quelli e quindi Radio Italia, abbandonata per imposizione dell'Antitrust, Mediamond, la concessionaria captive di Mediaset e conclusa senza un nulla di fatto la lunga trattativa con Discovery (si dice perché il gruppo americano volesse anche partecipare al capitale della radio), torna da Manzoni, polo L'Espresso, editore di Radio Dee Jay, Capital ed m2o (la raccolta della tv di Volanti sarà invece appannaggio di Viacom Advertising & Brand Solutions, la concessionaria di Viacom Italia).