Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio, Norvegia: da gennaio 2017 via allo switch-over

Dall'11 gennaio 2017 la Norvegia comincerà l'abbandono graduale della modulazione di frequenza nella direzione della tecnologia DAB+, secondo un processo avviato, col format DAB Eureka, nel 1995.
Il processo di switch-over coinvolgerà tutte le emissioni FM della NRK (la radio pubblica), della SBS (network privato) e delle radio locali, che, al termine, spegneranno i loro impianti contemporaneamente entro il 2021. La decisione norvegese ha sollevato molte perplessità in Europa, soprattutto in considerazione del rapido evolversi della tecnologia IP broadcasting, in particolare attraverso la nuova generazione di celle a 5G in un paese dove le tariffe flat per le connessioni in mobilità sono già una realtà, cosicché l'ascolto in streaming non costituisce un ostacolo economico. (R.R. per NL)
09/12/2016 08:59
 
NOTIZIE CORRELATE
BMW lancia ufficialmente il connected onboard, costitutendosi come traino delle altre case automobilistiche per l'adeguamento del mercato automobilistico all'esigenza delle vetture interconnesse.
Presa di posizione di Confindustria Radio Tv sul (previsto) ennesimo empasse del DAB+, impantanatosi a metà del guado con mezza Italia occupata da mux di rete nazionali e pressoché totale assenza dell'emittenza locale (fatti salvi sporadici bouquet territoriali assolutamente di scarsa rilevanza).
Diverse emittenti radiofoniche hanno ricevuto una comunicazione da parte di una società tedesca con la quale viene proposto un interessante servizio (gratuito) per l'implementazione del logo delle stazioni FM sulle autoradio di nuova generazione.
La misura dello scoordinamento esistente a livello istituzionale (anche) in tema di radio digitale emerge chiaramente dalle parole del presidente Agcom Marcello Cardani rese nel corso del convegno "La radio digitale: un'opportunità per i cittadini, il mercato e le imprese".