Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio, Norvegia: da gennaio 2017 via allo switch-over

Dall'11 gennaio 2017 la Norvegia comincerà l'abbandono graduale della modulazione di frequenza nella direzione della tecnologia DAB+, secondo un processo avviato, col format DAB Eureka, nel 1995.
Il processo di switch-over coinvolgerà tutte le emissioni FM della NRK (la radio pubblica), della SBS (network privato) e delle radio locali, che, al termine, spegneranno i loro impianti contemporaneamente entro il 2021. La decisione norvegese ha sollevato molte perplessità in Europa, soprattutto in considerazione del rapido evolversi della tecnologia IP broadcasting, in particolare attraverso la nuova generazione di celle a 5G in un paese dove le tariffe flat per le connessioni in mobilità sono già una realtà, cosicché l'ascolto in streaming non costituisce un ostacolo economico. (R.R. per NL)
09/12/2016 08:59
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
“Non vi sono frequenze sufficienti per permettere l’avvio del digitale a regime nei 23 bacini non ancora pianificati”; a dirlo non è uno dei tantissimi scettici del DAB+, la radio “digitale”, ma Marco Rossignoli, coordinatore di Aeranti-Corallo, supporter della tecnologia numerica terrestre di radiodiffusione sonora.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".