Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio. Nuove tecnologie: il logo dell'emittente FM sulle nuove autoradio

Diverse emittenti radiofoniche hanno ricevuto una comunicazione da parte di una società tedesca con la quale viene proposto un interessante servizio (gratuito) per l'implementazione del logo delle stazioni FM sulle autoradio di nuova generazione.
Nella nota si informa che "case automobilistiche e produttori di sistemi multimediali stanno rinnovando le autoradio, arricchendo l'FM di una funzione oggi disponibile solo nella banda digitale DAB: la possibilità di mostrare sullo schermo del ricevitore il marchio dell'emittente" (oggi l'RDS mostra solo il nome della stazione, ndr). Il primo ricevitore è già in vendita ed è stato realizzato dalla Continental per la Fiat in Brasile e mostra i loghi delle radio sintonizzabili e di quella scelta dall'ascoltatore. Continental ora prepara il lancio in altri mercati, ma anche altri produttori stanno progettando di aggiungere questa funzionalità ai propri ricevitori attraverso un sistema che si basa su un archivio di dati, loghi e codici delle emittenti. Secondo la società tedesca, diversi costruttori avrebbero identificato in essa - quale gestore di un database mondiale delle frequenze radio con 160.000 ripetitori radiofonici mondiali inseriti (FM/DAB) - il partner che potrebbe fornire il supporto necessario chiedendo di contattare le emittenti per informarle della  "opportunità, totalmente gratuita" e per "chiedere il permesso alla riproduzione del logo". La proposta del player tedesco si colloca in un contesto di forte attualità (peraltro la Volkswagen ha già predisposto in autonomia qualcosa di simile, suddiviso per le nazioni europee, Italia compresa), che vede la convergenza delle varie piattaforme distributive dei contenuti radiofonici su ricevitori automobilistici multistandard, che consentono al medesimo di scelta "intelligente" del vettore più opportuno (qualora sia presente per l'emittente interessata una scelta tra diverse piattaforme, ovviamente). Molto interessante, a riguardo, è la proposta hybrid radio dell'inglese Radio Player, che dovrebbe presto giungere in Italia e che, anche attraverso funzioni di profilazione e geolocalizzazione, "suggerirà" all'utente delle scelte in funzione dei gusti del medesimo (in tema di formato musicale, informazione e contenuti in generale) e del transito in particolari località (proponendo quindi le radio locali del territorio percorso). (M.L. per NL)
27/10/2016 10:25
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".
Un altro anno è passato e la radio digitale terrestre in Italia (così come in molti altri paesi europei) rimane poco più di un intento. Così, mentre il broadcasting IP sta galoppando un po' ovunque, da noi si assiste alla lotta con armi spuntate per la destinazione del canale 13, considerato come l'illusoria soluzione alla ventennale empasse di una tecnologia che, dopo oltre 30 anni dalla sua presentazione, non è ancora riuscita ad affermarsi.