Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio. RAI: raccolta a +8,5% tra gennaio e agosto

Radio Rai chiude il primo semestre del 2016 con un trend in aumento proporzionalmente crescente dal lato degli ascolti e della raccolta pubblicitaria.
I primi mesi dell’anno in corso confermano, infatti, ascolti in forte ascesa e performance solide anno su anno, con una media di quasi 14 mln di ascoltatori nei 7 giorni e una crescita nel quarto d’ora medio sui target commerciali (donne +8% e individui 25-54 +11%) rispetto al periodo omologo del 2015. Originalità e qualità, sono questi i punti cardine su cui si focalizza la formula di Radio Rai, in grado di coinvolgere e appassionare un pubblico variegato e di pregio. Tre emittenti diverse con tre tipologie di sound, ma con un unico obiettivo: sottoporre agli ascoltatori una programmazione di assoluto valore, perché Radio Rai è per te, per tutti. Tutte e tre le reti crescono sui loro target di elezione, confermando scelte editoriali efficaci e di successo. Rai Radio 1, dedicata interamente alla grande informazione e alle emozioni dello sport, aumenta nel quarto d’ora medio del 2% sul target uomini, del 12% su quello trade e del 4% su quello value con una media AQH di 325 mila ascoltatori. Rai Radio 2, forte del consolidato palinsesto che può anche annoverare eventi territoriali come il Caterraduno e il Lucca Summer Festival in grado di creare engagement e fidelizzazione, rafforza il proprio gradimento presso il pubblico con un ascolto nel quarto d’ora medio in crescita del 14% per il target 25-54 anni e del 21% per il più ristretto RA 25-54. Ottimi riscontri anche per l’audience spot che cresce sui target commerciali segnando in particolare un +25% sul target 25-44. Sale notevolmente anche il pubblico di Rai Radio 3 che registra nel quarto d’ora medio un +13% per il target laureati 25-54 e un +9 per quello dirigente/quadro sempre nella fascia d’età 25-54. Un bilancio semestrale col segno positivo che alza ufficialmente il sipario sulla nuova era di Carlo Conti che, in veste di direttore artistico, è pronto a guidare una Radio più giovane, più femminile, più facile con ampio spazio alla musica, alle voci di donna e alle nuove programmazioni a fascia. Tra le novità: il trasferimento su Radio1 di “Un giorno da pecora”, condotto da Geppi Cucciari e Giorgio Lauro, il talk show più irriverente della radiofonia italiana in cui informazione ed intrattenimento si contaminano in un vortice d’ironia, e "Radio 2, come voi", con Camila Ratznovich e Antonello Piroso, che in onda rispettivamente da Milano e Roma, raccontano l’Italia da due punti di vista diversi in connessione diretta con gli ascoltatori per dare ancora più impulso alla grande community di Radio 2.“Le ottime performance di Radio Rai negli ascolti di questo semestre confermano come qualità e diversificazione di contenuti siano gli elementi sui quali dobbiamo continuare a puntare per essere amati dal pubblico” afferma Francesco Barbarani, Direttore Radio e Web Rai pubblicità “Questi dati rappresentano per noi una grande manifestazione di fiducia da parte del pubblico e un’ulteriore certezza per gli investitori che credono nel nostro prodotto, come ha dimostrato l’andamento commerciale di quest’anno che, nel periodo gennaio-agosto, ha registrato sulle nostre radio un incremento dell’8,4% rispetto al 2015. Nel corso del secondo semestre continueremo in questa direzione e non smetteremo di migliorarci per soddisfare al meglio le aspettative e le esigenze di ascoltati e clienti”. (S.F. per NL)

27/10/2016 06:21
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.