Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RAI, canone: arriva con un mese di ritardo il decreto attuativo

Dopo una lunga attesa, arrivano le regole per il pagamento in bolletta del canone RAI; risolte diverse criticità ma mancano ancora i dettagli sui rimborsi.
Arriva, con un mese di ritardo, il decreto attuativo che stabilisce nel dettaglio le regole per il pagamento del canone nella bolletta elettrica sancito dalla Legge di Stabilità. Risolto in primo luogo il problema sollevato dagli operatori e correlato ai costi necessari per adeguare i sistemi di fatturazione; si prevede, infatti, che l’Agenzia delle Entrate stanzi 14 milioni di euro nel 2016 e altri 14 nel 2017 derivanti da “risorse proprie”, per risarcire le spese sostenute. Come già si sapeva, il canone sarà suddiviso in dieci rate mensili da 10 euro l’una, per un totale di 100 euro; le rate saranno addebitate sulle fatture dell’impresa elettrica che hanno scadenza successiva a quella della rata stessa. Il primo addebito arriverà a luglio, quando alle bollette dei contribuenti andranno ad aggiungersi i 60 euro corrispondenti alle prime sei mensilità. Le fatture saranno inoltre inviate anche a chi, per i consumi di energia elettrica, non deve alcun importo. Saranno esentati dal pagamento dell’imposta tutti coloro i quali hanno un reddito familiare pari o inferiore agli 8.000 euro lordi, gli anziani di età superiore ai 75 anni e, ovviamente, chi non dispone di un apparecchio televisivo. Sarà tuttavia compito degli esentati certificare all’Agenzia delle Entrate di rispettare i requisiti via PEC o raccomandata. L’anagrafe dei contribuenti sarà aggiornata di anno in anno: la stessa Agenzia delle Entrate, infatti, comunicherà all’Acquirente Unico (cioè la società pubblica garante delle connessioni elettriche) i dati aggiornati ogni mese di ottobre. E’ prevista inoltre la possibilità di rimborso di chi ha versato la tassa pur essendone esente, ma su quest’aspetto non vi sono ancora dettagli in quanto spetterà sempre all’Agenzia delle Entrate, entro 60 giorni dall’emanazione del decreto, stabilire modalità e tempistiche (si spera senza ulteriori ritardi). Infine, risolta anche la questione delle venti isole le cui linee elettriche non sono interconnesse con quelle nazionali: chi risiede in una di queste, dovrà pagare il canone in una soluzione unica con il vecchio metodo del bollettino postale entro il mese di ottobre. (E.V. per NL)

17/03/2016 12:56
 

Canone RAI: caso particolare

SCUSATE..... MA COME BISOGNA IMPEDIRE CHE RAI PRETENDA IL CANONE DI 100 EURO MESE (VISTO CHE ABBIAMO CIRCA 10 UTENZE  PER I RIPETITORI  ) ???????
BISOGNA CHIARIRE DA SUBITO QUESTO ASPETTO CON L'AGENZIA DELLE ENTRATE 
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.