Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tlc. In Italia le telco in mano ai giovani

Cresce il settore delle telecomunicazioni, guidato dai cosiddetti millenials: questo lo scenario delineato dalla ricerca firmata Unioncamere sulle imprese start-up dello scorso anno. Dai dati trasmessi, al 31 dicembre 2016 risultano registrate 2181 imprese di telecomunicazioni (e di servizi di accesso Internet) con un numero di nuove iscrizioni pari a 236; su 100 aziende del settore, il 52,4% vede come leader un under 35.
I dati che emergono dal Registro delle Imprese di Unioncamere e Infocamere, evidenziano come la crescita generale di società tlc  con a capo under 35 abbia raggiunto quota +10,2% rispetto al 2015, chiudendo così in positivo il bilancio del 2016. Il settore delle telecomunicazioni sembra dunque detenere un fascino incredibile per i giovani, caratteristica che non era sfuggita all’indagine firmata Vuetel Italia (azienda italiana che opera nel mercato internazionale dei servizi wholesale, voce e dati) lo scorso anno (presentata poi alla facoltà di Economia dell’Università Sapienza di Roma): il 58,82% degli intervistati (su un campione di 400 studenti universitari) si sarebbe dimostrato interessato ad intraprendere una carriera futura nel settore delle tlc, ritenendolo uno dei settori dello Stivale maggiormente in crescita e con un forte potenziale in termini di ruolo importante nel panorama a livello internazionale. Il presidente di Unioncamere, Ivan lo Bello, ha commentato il quadro generale della situazione delineata dal Registro delle Imprese: “Le notizie positive che emergono da questa fotografia è nel come è cambiato il sistema delle imprese italiane nel 2016: il contributo importante dei giovani under 35 e la frenata delle chiusure. Anche il nostro Paese deve adattarsi al mondo che cambia a una velocità sempre maggiore. Più rapidamente lo faremo, più imprese saranno capaci di competere e di superare le avversità". Internet sembra quindi aver trasformato il mondo in un treno in corsa per cui bisogna tenere il passo con il presente ed evitare di restare ancorati al passato. (L.M. per NL)

27/02/2017 10:48
 
NOTIZIE CORRELATE
L'Agcom ha avviato una consultazione pubblica concernente modifiche ed integrazioni del Piano di numerazione nel settore delle telecomunicazioni e disciplina attuativa di cui alla delibera n. 8/15/CIR e successive modificazioni, in relazione all’uso dei codici 455 di cui all’articolo 22.
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha indetto una procedura per il rilascio dei diritti d’uso delle frequenze per reti radio a larga banda punto-multipunto di cui alla delibera n. 195/04/CONS del 23 giugno 2004 dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni così come modificata dalla delibera 355/13/CONS.
Stiamo probabilmente assistendo ad una transizione importante nelle politiche di gestione dello spettro radioelettrico in Italia.
Mentre la (tardiva) attenzione del governo e dei media italiani si concentra sull'operazione Telefonica-Telecom, con annessi tentativi di chiudere la stalla a buoi scappati, nel resto del mondo continuano a manifestarsi i segni di un tumultuoso processo di concentramento del mercato delle telecomunicazioni.
“Il Coordinamento Unitario Telecom Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil ritiene inaccettabile che, in un momento nel quale l’occupazione deve rappresentare la priorità per tutte le forze politiche e sociali, si mettano in pericolo migliaia di posti di lavoro, con norme dirigiste che non considerano la reale funzionalità del sistema di telecomunicazioni italiano.