Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tlc. Superofferta dello Stato ai provider: frequenze fino al 2029, ma pagamento (di 2 mld) cash

Il governo offre agli operatori di telefonia mobile la possibilità di prorogare l'uso delle frequenze in banda 900 e 1800 MHz fino al 31/12/2029, ma a condizione di versare allo Stato circa 2 miliardi di euro anticipati e in una unica soluzione.
Secondo quanto prevede una bozza della manovra, resa nota dall'agenzia Reuters, i diritti d'uso delle frequenze in banda 900 e 1800 Mhz in scadenza il 30 giugno 2018 "possono, su domanda dei titolari, essere oggetto di revisione delle condizioni tecniche e di proroga". L'estensione del titolo concessionario al 2029 "comporta il pagamento anticipato ed in un'unica soluzione dei contributi per i diritti d'uso", quantificati in 2,010 miliardi. Il Documento programmatico di bilancio (Dpb), pubblicato sul sito della Commissione europea, parla di una procedura d'asta per l'assegnazione delle frequenze e indica i proventi in 0,114 punti di Pil, 1,8 o 1,9 miliardi di euro. (E.G. per NL)
27/10/2016 08:28
 
NOTIZIE CORRELATE
Con ordinanza n. 592/2017 del 09/02/2017 pubblicata il 13/02/2017 il Consiglio di Stato sez. VI, accogliendo l'appello cautelare promosso da un operatore di rete lombardo, ha sospeso la sentenza del TAR Lazio n. 09658/2016 in ossequio alla quale erano state apportate dal Ministero dello Sviluppo Economico variazioni alla graduatoria di revisione delle frequenze televisive locali della Regione Lombardia di cui alla determina pubblicata sul sito il 13/07/2015 e modificata in data 25/11/2015.
Attraverso la delibera Agcom 40/17/CONS, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha disposto la sospensione del processo di implementazione dei cambi programmati di risorse frequenziali previsti dei vigenti Piani nazionali di assegnazione delle frequenze per il servizio televisivo terrestre in tecnica digitale, nelle more della ripianificazione complessiva delle risorse destinate al servizio di radiodiffusione sonora e televisiva.
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
Ha oggi tre giorni di vita la Wind Tre Spa, azienda nata dalla fusione di Wind e 3 divenuta effettiva il 31/12/2016, e primo operatore del settore mobile con 31 mln di utenti attivi.