Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tlc. USA: conclusa l’asta per le frequenze per favorire il 5G

Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
Nell’asta, che ha visto 62 partecipanti, sono stati ceduti 70 MHz di spettro per una somma complessiva di 19,6 mld, estremamente al ribasso rispetto agli 86 mld per 126 MHz previsti da Fcc (Federal communication commission); questi soldi, saranno suddivisi fra i broadcaster che hanno ceduto le frequenze (che dovrebbero prenderne cumulativamente più di 10), circa 1,75 mld andranno a supportare le emittenti televisive nella migrazione e, il resto, spetterà allo stato. Dai numeri, si evince come l’asta per le frequenze sia stata enormemente sovrastimata, ma ciò non la rende un passaggio meno cruciale essendo avvenuta per le stesse ragioni che portano l’Europa a spingere verso la liberazione della banda 700 MHz: arrivare per primi alle reti mobili di quinta generazione, che saranno il motore del broadcasting nel prossimo futuro. La notizia arriva, fra l’altro, proprio mentre l’Europa decidere di concedere la deroga di due anni (fino al 2022) agli stati membri per la questione 700 MHz e configura un futuro scenario estremamente probabile, oltre che preoccupante: il vecchio continente è già indietro nella partita 5G. (E.V. per NL)

15/02/2017 11:48
 
NOTIZIE CORRELATE
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
In arrivo il 5G anche in Italia dopo una lunga attesa. All’evento “Quale 5G? Il Parlamento Europeo e una roadmap nazionale” si è fatto il punto sui passi avanti dell'Italia nel passaggio alla nuova tecnologia: “abbiamo scelto di sentire gli operatori tlc e altri stakeholder per capire quale tipo di 5G vogliamo costruire, in base al tipo di servizi che saranno sviluppati – ha sottolineato il senatore Pd Sergio Boccadutri presente al meeting – mobilità, salute, telemedicina, realtà virtuale, energia e gamification sono solo alcuni esempi dei nuovi servizi che saranno sviluppati con il 5G”.
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha prorogato oggi di 7 giorni il termine per la presentazione delle istanze di partecipazione alla procedura di selezione comparativa per l’assegnazione di 86 frequenze asincrone in onde medie, originariamente collocato al 15/03/2017.
Mentre negli Stati uniti la pratica 5G procede già all’assegnazione delle frequenze tramite gare, l’Europa si dà tempo fino al 2022, termine massimo entro il quale gli stati membri dovranno aver completato il passaggio delle frequenze comprese nei 700 Mhz dagli operatori televisivi a quelli delle telecomunicazioni.
Con ordinanza n. 592/2017 del 09/02/2017 pubblicata il 13/02/2017 il Consiglio di Stato sez. VI, accogliendo l'appello cautelare promosso da un operatore di rete lombardo, ha sospeso la sentenza del TAR Lazio n. 09658/2016 in ossequio alla quale erano state apportate dal Ministero dello Sviluppo Economico variazioni alla graduatoria di revisione delle frequenze televisive locali della Regione Lombardia di cui alla determina pubblicata sul sito il 13/07/2015 e modificata in data 25/11/2015.