Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv: ascolti televisivi nel mese di febbraio in crescita con il 33% di share per le tv non generaliste
Secondo i dati raccolti da Starcom si è registrato un notevole aumento degli ascolti del segmento, segnatamente pari al +19% sul medesimo periodo del 2012.
Il pubblico della televisione, complice forse la solita crisi, si fa più numeroso in tutte le fasce orarie, con un picco di share del 39% registrato la mattina dalle 7 alle 12. Compaiono nella top ten delle reti più viste del digitale terrestre, quattro reti Rai, tre di Mediaset e tre di Discovery Channel. Il gruppo americano piazza al primo posto Real Time con circa 164mila spettatori nel minuto medio. Il programma più seguito del mese è Il Boss delle Torte, con 599mila spettatori in fascia 23-24 nella puntata dell’8 febbraio. A seguire DMAX al quarto posto e Giallo al nono. Grazie ad Iris, il canale Mediaset dedicato al cinema d’autore, il Biscione conquista il secondo posto con i suoi 145mila spettatori nel minuto medio e la migliore performance ottenuta dalla veterana commedia sentimentale Sabrina, andata in onda il 26 febbraio in fascia 22-23, incollando davanti al teleschermo ben 697mila spettatori. Mediaset si aggiudica anche il settimo posto con La5 e il decimo con Mediaset Extra. La Rai, invece, ottiene un buon terzo posto con il canale dedicato ai più piccoli, Yo Yo con i suoi 144mila spettatori nel minuto medio, raggiungendo il picco (466mila) il 26 febbraio nella fascia 20-21 con i cartoni animati dello Zecchino, Peppa Pig, Barbapapà. Si piazzano a seguire l'offerta pay della famiglia Berlusconi, Premium, al quinto posto; Rai 4 al sesto e Rai Movie all’ottavo. Pare invece, dati alla mano, che abbiano subito una grossa perdita i canali del servizio pubblico: emblematico, a riguardo, il caso di Rai Movie, che passa dai 118mila di dicembre ai 100mila di febbraio. Nel gruppo sat pay Sky+Fox i migliori risultati mensili sono stati raggiunti dallo sport e dall’informazione - Sky Sport 1 e Sky Tg 24 (per quest’ultimo complici le elezioni politiche) -che, rispettivamente, hanno registrato 55 e 53mila spettatori nel minuto medio. Di rilievo anche i successi ottenuti da Sky Uno, nell’ultima puntata di Masterchef2 del 21 febbraio seguita in fascia 22-23 da ben un milione di spettatori. (V.V. per NL)
02/04/2013 17:05
 
NOTIZIE CORRELATE
Sembra quasi ieri che, da Fininvest, la linea ufficiale sull’affaire Vivendi era l’inesistenza di una “trattativa con il gruppo transalpino” (Vivendi) per risolvere la spinosa situazione venutasi a creare, in risposta ad alcune indiscrezioni non meglio precisate e pubblicate da Bloomberg.
Trovare fonti di ricavo: questo è l’obiettivo di Mediaset per il nuovo anno, stando a quanto si evince dalle linee guida di sviluppo presentate oggi, 18 gennaio, a Londra e pubblicate sulla sezione dedicata agli investitori del suo sito.
Il polo radiofonico del Biscione, RadioMediaset (che controlla le emittenti nazionali R101, Radio 105, Virgin Radio e GBR-Orbital), ha deciso di puntare soprattutto sulla rete principale, Radio 105, operando investimenti captive in promozione ed importanti travasi frequenziali.
Sembra proprio che, in tema di ascolti, questo 2017 non porterà buone nuove per i player generalisti. I segnali di tempesta ci sarebbero tutti: non oggi, forse nemmeno domani, ma quel consumo televisivo in calo, fra un anno e l’altro, del 15,6% fra i 15-19enni e del 9,7% fra i 25-34enni è un fattore che dovrebbe tenere alta l’attenzione.
L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha aperto un'istruttoria sugli effetti della scalata dei francesi di Vivendi a Mediaset. Il procedimento, avviato con la Delibera 654/16/CONS, è finalizzato alla verifica della eventuale sussistenza di una violazione dell’art. 43, comma 11, del D. Lgs. 177/2005 da parte della società Vivendi S.A. nonché all’eventuale adozione delle misure previste dall’articolo 43 del medesimo decreto legislativo.