Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Cola a picco il progetto espansionistico di Bolloré

Torna nel cassetto, almeno per il momento, il piano di Vincent Bolloré di trasformare la sua Vivendi in una media company che abbracci tutto il territorio europeo.
Le ragioni sono le molteplici difficoltà finanziarie che hanno investito il gruppo bretone in questi giorni: prima fra tutte, la vera e propria guerra che va avanti a colpi di comunicati stampa con Mediaset, che i transalpini accusano di aver abbellito anche troppo i conti di Premium prima di venderla. Dal canto loro, a Cologno, la posizione sembra netta: il contratto è stato firmato e deve essere rispettato, manifestando anche la volontà di trascinare Vivendi in tribunale. Non sembra proprio, insomma, che ci sia spazio per una riconciliazione, soprattutto dopo la recente decisione di Vivendi di ricorrere ai legali di Clearly Gottlieb. Se in Italia la situazione è diventata un vero e proprio campo minato, in Germania, uno degli altri paesi nel mirino del progetto di Bolloré, le cose non vanno affatto meglio; Watchever, la piattaforma OTT tedesca di Vivendi, è prossima alla chiusura annunciata dallo stesso Bolloré a causa dei pessimi risultati operativi, di fatto cedendo il passo a Sky che si prepara a lanciare il suo di servizio OTT teutonico, Sky Ticket. Infine, c’è il paese natale, la Francia, ed anche qui è Sky che viene a rompere le uova nel paniere di Vivendi; mentre i francesi soffrono la pessima situazione finanziaria della loro pay tv Canal+ (che ora non potrà più godere dell’apporto contenutistico, anche se effimero, di Premium), il gruppo di Rupert Murdoch investe nella start-up francese Molotov, che si occupa di tv in streaming, mossa che in molti hanno visto come un probabile tentato colpo di grazia alle mire espansionistiche di Vivendi. (E.V. per NL)
07/09/2016 13:01
 
NOTIZIE CORRELATE
Non si placano gli animi dei giornalisti romani dipendenti di Mediaset, preoccupati per un ridimensionamento della sede del Tg5. Solo pochi giorni fa l’incontro tra i vertici del Biscione e i sindacati del settore sembrava aver fugato dubbi e timori circa un intervento sulla sede capitolina.
Si preannuncia un buon 2017 per le televisioni commerciali, o almeno così credono i due grandi broadcaster generalisti Rai e Mediaset, a giudicare i costi di listino che uno spazio pubblicitario medio richiede e che mostrano una crescita repentina, netta e stabile.
Dibattito acceso su una pagina Facebook dedicata agli operatori radiofonici dopo la pubblicazione di un sommario report dei dati d’ascolto delle web radio di RadioMediaset (polo radiofonico del Biscione cui fanno riferimento le emittenti nazionali Radio 105, Virgin e R 101) accessibili (fino a quel momento) su una sezione specifica del portale United Music, che gestisce il pool di web radio.
A volte ritornano. Sky punta ancora alla pay-tv di Mediaset: la relazione burrascosa tra il Biscione e Vivendi diventa terreno di conquista per il vecchio pretendente.
Le televisioni non sopravvivono più solo con la pubblicità e cercano nuovi modelli di business. Le emittenti televisive stringono la cinghia: Mediaset ha dichiarato l’obiettivo di risparmio di 123 milioni di euro entro il 2020, mentre, secondo quanto riporta Italia Oggi, il canale francese Tf1 si prefigge di risparmiare 25-30 milioni di euro ogni anno.