Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Discovery Italia, terzo editore nazionale 2015. +9% di share rispetto a 2014

Discovery Italia si lascia alle spalle un 2015 ricco di soddisfazioni confermandosi terzo editore nazionale (dietro a Rai e Mediaset, e davanti a Sky e La7) e conseguendo, con il 6,4% di share in aumento del 9% rispetto al 2014, la più alta crescita fra tutti gli editori.
Una performance sicuramente soddisfacente per il gruppo guidato da Marinella Soldi, con risultati ancor più smaglianti sul target commerciale 25-54, con un apprezzabilissimo 8,4% di share e una crescita del 12% rispetto all’anno precedente. Ben quattro canali del boquet free di Discovery (Real Time, Deejay Tv, Dmax e Giallo) restano fermamente arroccati nella Top 20 dei canali più seguiti in Italia. Real Time è l’ottava rete nazionale e il primo canale digitale (sul target donne 20-49 anni) con il 3,2% di share, così come Dmax, primo canale digitale sugli uomini 20-49 anni che segna il 3,1% di share. Deejay Tv si è ormai consolidata intorno all’1% di share, mentre Giallo e Focus, con lo 0,9% e lo 0,8% di share, registrano i migliori risultati di sempre dall’avvio delle reti. Per quanto concerne l’area Kids, sia Frisbee che K2 chiudono il 2015 totalizzando l’8,2% di share sui 4-14 (+15% rispetto al 2014). Discovery Channel (in esclusiva su Sky al 401 e 402 della pay tv) si conferma il canale più seguito dell’area 400 con l’1,5% di share sugli uomini 20-49 abbonati pay, mentre Eurosport, in onda su Sky e Mediaset Premium, segna lo 0,6% di share sulla pay, il suo miglior risultato di sempre (in crescita del 36% rispetto al 2014). (S.F. per NL)
15/01/2016 15:39
 
NOTIZIE CORRELATE
Il 2016 di Discovery Communications si è chiuso con i ricavi a +2% (pari a 6,5 miliardi di dollari) rispetto all’anno precedente. Un risultato sopra le aspettative nonostante una raccolta pubblicitaria non brillante e un tasso di cambio che de facto ha abbassato di due punti percentuali la crescita degli introiti.
Secondo l’ultima ricerca Nielsen, nel 2016 il mercato pubblicitario italiano del settore dei media/telecomunicazioni ha fatto registrare un aumento del 3,6% rispetto all’anno precedente per una raccolta complessiva pari a 8,2 mld di euro.

Si chiude in bellezza il 2016 per la raccolta pubblicitaria sul mezzo televisivo che sale del 5,4% rispetto al 2015 e si stabilizza a quota 3,84 mld di euro.
Mediaset si aggiudica il 56,2% de

Giunge alla sua seconda edizione l’indagine nata per monitorare il fenomeno dell’ad blocking nel nostro Paese: “Lo stato dell’arte dell’Ad blocking in Italia”, promossa dalle principali associazioni rappresentanti la industry: Assocom, FCP-Assointernet, Fedoweb, IAB Italia, Netcomm e UPA, coordinata da GroupM e commissionata a comScore e Human Highway.
Il processo di adeguamento delle nuove regole in materia di bilancio di esercizio (modifica del D.Lgs n°139 del 18 agosto 2015), in adeguamento alla Direttiva europea n°34/2013, presenta una rilevante novità: pubblicità e spese di ricerca e sviluppo godono di deduzione immediata.