Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Discovery Italia, terzo editore nazionale 2015. +9% di share rispetto a 2014

Discovery Italia si lascia alle spalle un 2015 ricco di soddisfazioni confermandosi terzo editore nazionale (dietro a Rai e Mediaset, e davanti a Sky e La7) e conseguendo, con il 6,4% di share in aumento del 9% rispetto al 2014, la più alta crescita fra tutti gli editori.
Una performance sicuramente soddisfacente per il gruppo guidato da Marinella Soldi, con risultati ancor più smaglianti sul target commerciale 25-54, con un apprezzabilissimo 8,4% di share e una crescita del 12% rispetto all’anno precedente. Ben quattro canali del boquet free di Discovery (Real Time, Deejay Tv, Dmax e Giallo) restano fermamente arroccati nella Top 20 dei canali più seguiti in Italia. Real Time è l’ottava rete nazionale e il primo canale digitale (sul target donne 20-49 anni) con il 3,2% di share, così come Dmax, primo canale digitale sugli uomini 20-49 anni che segna il 3,1% di share. Deejay Tv si è ormai consolidata intorno all’1% di share, mentre Giallo e Focus, con lo 0,9% e lo 0,8% di share, registrano i migliori risultati di sempre dall’avvio delle reti. Per quanto concerne l’area Kids, sia Frisbee che K2 chiudono il 2015 totalizzando l’8,2% di share sui 4-14 (+15% rispetto al 2014). Discovery Channel (in esclusiva su Sky al 401 e 402 della pay tv) si conferma il canale più seguito dell’area 400 con l’1,5% di share sugli uomini 20-49 abbonati pay, mentre Eurosport, in onda su Sky e Mediaset Premium, segna lo 0,6% di share sulla pay, il suo miglior risultato di sempre (in crescita del 36% rispetto al 2014). (S.F. per NL)
15/01/2016 15:39
 
NOTIZIE CORRELATE
Secondo i dati Nielsen, nei primi 11 mesi del 2016 in Italia la raccolta pubblicitaria è cresciuta dell'1,7% rispetto al medesimo periodo dell'anno precedente, ma se si prendono in considerazione anche i dati relativi a search e social, settori non monitorati nella ricerca, allora il risultato potrebbe essere vicino al +3,7%.
Alla fine l'operazione tra Discovery e Radio Italia si è concretata, anche se non della direzione della concessione per la vendita degli spazi pubblicitari dell'emittente di Volanti (che si è invece riaccasata da Manzoni - Gruppo L'Espresso) o addirittura di una cessione di quote societarie, come si era parlato dalla primavera 2016.
Discovery chiude il 2016 con una raccolta pubblicitaria pari a 200 milioni di euro, in crescita del 14% circa rispetto all’anno precedente.
Deliberato all'unanimità dal cda di Auditel il piano quinquennale che contempla, tra le altre cose, l’estensione della rilevazione dai televisori ai nuovi device e alle smart tv.
Dopo l’acquisizione a giugno dei diritti televisivi europei (esclusa la Russia) per la trasmissione dei giochi olimpici dal 2018 al 2024, Discovery starebbe cercando di girare in sublicenza l’esclusiva ad altre reti.