Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Discovery Italia, terzo editore nazionale 2015. +9% di share rispetto a 2014

Discovery Italia si lascia alle spalle un 2015 ricco di soddisfazioni confermandosi terzo editore nazionale (dietro a Rai e Mediaset, e davanti a Sky e La7) e conseguendo, con il 6,4% di share in aumento del 9% rispetto al 2014, la più alta crescita fra tutti gli editori.
Una performance sicuramente soddisfacente per il gruppo guidato da Marinella Soldi, con risultati ancor più smaglianti sul target commerciale 25-54, con un apprezzabilissimo 8,4% di share e una crescita del 12% rispetto all’anno precedente. Ben quattro canali del boquet free di Discovery (Real Time, Deejay Tv, Dmax e Giallo) restano fermamente arroccati nella Top 20 dei canali più seguiti in Italia. Real Time è l’ottava rete nazionale e il primo canale digitale (sul target donne 20-49 anni) con il 3,2% di share, così come Dmax, primo canale digitale sugli uomini 20-49 anni che segna il 3,1% di share. Deejay Tv si è ormai consolidata intorno all’1% di share, mentre Giallo e Focus, con lo 0,9% e lo 0,8% di share, registrano i migliori risultati di sempre dall’avvio delle reti. Per quanto concerne l’area Kids, sia Frisbee che K2 chiudono il 2015 totalizzando l’8,2% di share sui 4-14 (+15% rispetto al 2014). Discovery Channel (in esclusiva su Sky al 401 e 402 della pay tv) si conferma il canale più seguito dell’area 400 con l’1,5% di share sugli uomini 20-49 abbonati pay, mentre Eurosport, in onda su Sky e Mediaset Premium, segna lo 0,6% di share sulla pay, il suo miglior risultato di sempre (in crescita del 36% rispetto al 2014). (S.F. per NL)
15/01/2016 15:39
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
Da ieri Discovery ha un nuovo organigramma. Marinella Soldi, che rimane president and managing Sud Europa (Italia, Spagna, Portogallo e Francia), sarà supportata nel mercato italiano dal general manager Alessandro Araimo, precedentemente chief operating officer di tutta l’area South Europe.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.
Nove Hd, la versione ad alta definizione del canale DTT di proprietà di Discovery Italia (ovviamente su LCN 9), dal 1° marzo sarà anche sulla piattaforma di Tivùsat, la tv satellitare che permette di vedere gratuitamente la programmazione del digitale terrestre.