Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Discovery: nel 2016 ricavi in crescita, negli USA lotta contro “skinny bundles”

Il 2016 di Discovery Communications si è chiuso con i ricavi a +2% (pari a 6,5 miliardi di dollari) rispetto all’anno precedente. Un risultato sopra le aspettative nonostante una raccolta pubblicitaria non brillante e un tasso di cambio che de facto ha abbassato di due punti percentuali la crescita degli introiti.
Negli USA, i canali tematici minori hanno subìto una diminuzione degli abbonamenti (perdita compensata con un lieve incremento dei prezzi per quanto riguarda sottoscrizioni e vendita di spazi pubblicitari) a causa del fenomeno degli “skinny bundles”, ovvero i pacchetti pay per view personalizzabili offerti dalle reti concorrenti. Per questo motivo Discovery ha deciso di puntare molto sui canali più importanti del gruppo ampliando l’offerta per assicurarsi nuove fette di pubblico. In questo senso va letta l’acquisizione dei diritti per la trasmissione dei prossimi grandi eventi sportivi (Olimpiadi estive e Olimpiadi invernali), scelta che il ceo David Zaslav ha definito importante per rafforzare il brand e la visibilità dell’azienda. (M.R. per NL)

16/02/2017 12:25
 
NOTIZIE CORRELATE
Alla fine l'operazione tra Discovery e Radio Italia si è concretata, anche se non della direzione della concessione per la vendita degli spazi pubblicitari dell'emittente di Volanti (che si è invece riaccasata da Manzoni - Gruppo L'Espresso) o addirittura di una cessione di quote societarie, come si era parlato dalla primavera 2016.
Discovery chiude il 2016 con una raccolta pubblicitaria pari a 200 milioni di euro, in crescita del 14% circa rispetto all’anno precedente.
Dopo l’acquisizione a giugno dei diritti televisivi europei (esclusa la Russia) per la trasmissione dei giochi olimpici dal 2018 al 2024, Discovery starebbe cercando di girare in sublicenza l’esclusiva ad altre reti.
Dopo un periodo di relativa calma ricominciamo i giochi a riguardo degli LCN nazionali più appetibili, primi fra tutti quelli di Retecapri (20, 45, 55 e 66), con il testa il 20, al quale si erano interessati un po' tutti: da Mediaset a Sky, da Discovery a Scripps.
Un ottobre d’oro per Canale 5 che, con uno share nelle 24 ore del 16,80%, supera Rai 1 (15,8%) grazie ad alcune prime serate di successo (come il Grande Fratello Vip) e al palinsesto nella fascia pomeridiana.