Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv e diritti sportivi. TAR annulla multa Antitrust di 51 mln a Mediaset: nessun accordo spartitorio

Mediaset informa che la Sezione Prima del Tar del Lazio ha oggi annullato la multa da 51 milioni di euro che l'Antitrust aveva imposto alla Società nell'aprile scorso per un presunto "accordo restrittivo" sui diritti televisivi di Serie A per le stagioni 2015-2018.
Il Tar ha accolto senza riserve il ricorso di Mediaset contro un teorema del tutto privo di prove che, per citare testualmente la sentenza, «non può definirsi quale "accordo spartitorio" dato che le parti hanno consentito il perpetuarsi di una concorrenza che altrimenti non ci sarebbe stata». Secondo il Tar, la soluzione orientata all'attribuzione dei due pacchetti principali ad uno solo dei due operatori (Sky, dominante sul mercato della pay tv), come sponsorizzata a posteriori dall'AGCM, «non sembrava certo idonea a consentire una svolta pro-concorrenziale». Per i giudici del Tribunale Amministrativo Regionale «la "causa" contrattuale alla base della sublicenza per il pacchetto D richiesta dalla Lega e autorizzata dall'AGCM era pienamente lecita, in quanto orientata ad evitare contenziosi futuri, "stallo" del mercato e ulteriori inconvenienti per i consumatori, mantenendo la concorrenza effettiva in assenza di nuovi operatori concretamente interessati all'ingresso nel mercato specifico». Vedremo ora se, come probabile, la sentenza di primo grado sarà impugnata dall'Antitrust avanti al Consiglio di Stato. (E.G. per NL)
24/12/2016 09:17
 
NOTIZIE CORRELATE
Non si placano gli animi dei giornalisti romani dipendenti di Mediaset, preoccupati per un ridimensionamento della sede del Tg5. Solo pochi giorni fa l’incontro tra i vertici del Biscione e i sindacati del settore sembrava aver fugato dubbi e timori circa un intervento sulla sede capitolina.
Si preannuncia un buon 2017 per le televisioni commerciali, o almeno così credono i due grandi broadcaster generalisti Rai e Mediaset, a giudicare i costi di listino che uno spazio pubblicitario medio richiede e che mostrano una crescita repentina, netta e stabile.
Dibattito acceso su una pagina Facebook dedicata agli operatori radiofonici dopo la pubblicazione di un sommario report dei dati d’ascolto delle web radio di RadioMediaset (polo radiofonico del Biscione cui fanno riferimento le emittenti nazionali Radio 105, Virgin e R 101) accessibili (fino a quel momento) su una sezione specifica del portale United Music, che gestisce il pool di web radio.
A volte ritornano. Sky punta ancora alla pay-tv di Mediaset: la relazione burrascosa tra il Biscione e Vivendi diventa terreno di conquista per il vecchio pretendente.
Le televisioni non sopravvivono più solo con la pubblicità e cercano nuovi modelli di business. Le emittenti televisive stringono la cinghia: Mediaset ha dichiarato l’obiettivo di risparmio di 123 milioni di euro entro il 2020, mentre, secondo quanto riporta Italia Oggi, il canale francese Tf1 si prefigge di risparmiare 25-30 milioni di euro ogni anno.