Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv e diritti sportivi. TAR annulla multa Antitrust di 51 mln a Mediaset: nessun accordo spartitorio

Mediaset informa che la Sezione Prima del Tar del Lazio ha oggi annullato la multa da 51 milioni di euro che l'Antitrust aveva imposto alla Società nell'aprile scorso per un presunto "accordo restrittivo" sui diritti televisivi di Serie A per le stagioni 2015-2018.
Il Tar ha accolto senza riserve il ricorso di Mediaset contro un teorema del tutto privo di prove che, per citare testualmente la sentenza, «non può definirsi quale "accordo spartitorio" dato che le parti hanno consentito il perpetuarsi di una concorrenza che altrimenti non ci sarebbe stata». Secondo il Tar, la soluzione orientata all'attribuzione dei due pacchetti principali ad uno solo dei due operatori (Sky, dominante sul mercato della pay tv), come sponsorizzata a posteriori dall'AGCM, «non sembrava certo idonea a consentire una svolta pro-concorrenziale». Per i giudici del Tribunale Amministrativo Regionale «la "causa" contrattuale alla base della sublicenza per il pacchetto D richiesta dalla Lega e autorizzata dall'AGCM era pienamente lecita, in quanto orientata ad evitare contenziosi futuri, "stallo" del mercato e ulteriori inconvenienti per i consumatori, mantenendo la concorrenza effettiva in assenza di nuovi operatori concretamente interessati all'ingresso nel mercato specifico». Vedremo ora se, come probabile, la sentenza di primo grado sarà impugnata dall'Antitrust avanti al Consiglio di Stato. (E.G. per NL)
24/12/2016 09:17
 
NOTIZIE CORRELATE
Sembra quasi ieri che, da Fininvest, la linea ufficiale sull’affaire Vivendi era l’inesistenza di una “trattativa con il gruppo transalpino” (Vivendi) per risolvere la spinosa situazione venutasi a creare, in risposta ad alcune indiscrezioni non meglio precisate e pubblicate da Bloomberg.
Trovare fonti di ricavo: questo è l’obiettivo di Mediaset per il nuovo anno, stando a quanto si evince dalle linee guida di sviluppo presentate oggi, 18 gennaio, a Londra e pubblicate sulla sezione dedicata agli investitori del suo sito.
Il polo radiofonico del Biscione, RadioMediaset (che controlla le emittenti nazionali R101, Radio 105, Virgin Radio e GBR-Orbital), ha deciso di puntare soprattutto sulla rete principale, Radio 105, operando investimenti captive in promozione ed importanti travasi frequenziali.
Sono stati pubblicati nel bollettino AGCM N.46 del 27/12/2016 i risultati dell’Indagine Conoscitiva sul settore Audiovisivo aperta dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato nel 2010.
Dopo l’acquisizione a giugno dei diritti televisivi europei (esclusa la Russia) per la trasmissione dei giochi olimpici dal 2018 al 2024, Discovery starebbe cercando di girare in sublicenza l’esclusiva ad altre reti.