Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv e Tlc. Scalata Vivendi su Mediaset: Agcom lancia il pre-stop

Presa di posizione dell'Agcom sull'affaire Vivendi-Mediaset con una nota nella quale "in qualità di soggetto di controllo delle norme anticoncentrazione nei mercati delle comunicazioni", "alla luce di operazioni in corso sui mercati azionari", richiama l'attenzione sul fatto "che il Testo Unico dei Servizi di Media Audiovisivi e Radiofonici (TUSMAR) stabilisce un divieto al superamento dei tetti di controllo".
"In particolare - spiega l'Autorità - le imprese di comunicazioni elettroniche che detengono nel mercato italiano una quota superiore al 40%, non possono acquisire ricavi superiori al 10% del Sistema Integrato delle Comunicazioni, c.d. SIC (TV, radio, editoria). I tetti anticoncentrazione nei mercati delle comunicazioni e dei media rispondono a esigenze di interesse generale (pluralismo, servizi di pubblica utilità, concorrenza) e a diritti essenziali dei cittadini (informazione, comunicazione, accesso ad Internet) e sono parte della normativa nazionale dei singoli Stati all’interno dell’Unione Europea. Alla luce di una preliminare analisi su dati 2015, Telecom Italia – il cui azionista di maggioranza è il gruppo Vivendi con una quota del capitale sociale del 24,68% - risulta il principale operatore nel mercato delle comunicazioni elettroniche, detenendo il 44,7% della quota nel mercato prevalente delle telecomunicazioni. Mediaset, società operante nel settore dei media e dell’editoria, il cui azionista di maggioranza è il gruppo Fininvest con il 34,7% del capitale, raggiunge nel 2015 una quota del 13,3% del SIC. Questi dati evidenziano che operazioni volte a concentrare il controllo delle due società potrebbero essere vietate. L’Autorità procederà ad acquisire tempestivamente tutte le informazioni rilevanti sull’operazione in atto, al fine di monitorarne gli effetti e verificare, attraverso una puntuale analisi giuridica ed economica, il rispetto della normativa vigente", conclude l'organo di sorveglianza. (E.G. per NL)
16/12/2016 11:05
 
NOTIZIE CORRELATE
Trovare fonti di ricavo: questo è l’obiettivo di Mediaset per il nuovo anno, stando a quanto si evince dalle linee guida di sviluppo presentate oggi, 18 gennaio, a Londra e pubblicate sulla sezione dedicata agli investitori del suo sito.
Il polo radiofonico del Biscione, RadioMediaset (che controlla le emittenti nazionali R101, Radio 105, Virgin Radio e GBR-Orbital), ha deciso di puntare soprattutto sulla rete principale, Radio 105, operando investimenti captive in promozione ed importanti travasi frequenziali.
Pubblicato dall'Agcom l'Osservatorio sulle Comunicazioni n. 4/2016 datato 28/12/2016. Tra i dati più rilevanti: Rai e Mediaset sono i due principali operatori in termini di audience, con il 34,4% e il  32,3% di quote di ascolto, pur attestandosi su livelli di share inferiori  rispetto al 2012.
L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha aperto un'istruttoria sugli effetti della scalata dei francesi di Vivendi a Mediaset. Il procedimento, avviato con la Delibera 654/16/CONS, è finalizzato alla verifica della eventuale sussistenza di una violazione dell’art. 43, comma 11, del D. Lgs. 177/2005 da parte della società Vivendi S.A. nonché all’eventuale adozione delle misure previste dall’articolo 43 del medesimo decreto legislativo.
L’Autorità, con la delibera n. 557/16/CONS, ha avviato una indagine conoscitiva concernente le prospettive di sviluppo dei sistemi wireless e mobili verso la quinta generazione (5G) e l’utilizzo di nuove porzioni di spettro al di sopra dei 6 GHz.