Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, Ip. Arriva anche in Italia la tv di Amazon

Debutta Prime Video anche in Italia: il servizio SVOD di Amazon ha, per la precisione, debuttato contemporaneamente in 200 paesi, fra i quali rientra anche la Penisola.
Un altro tassello, dunque, che va ad aggiungersi alla sempre più agguerrita concorrenza nel mondo della produzione e distribuzione di contenuti che già era stata stimolata significativamente lo scorso anno, con il debutto di Netflix. Adesso, anche l’azienda di Jeff Bezos ci mette il suo catalogo, oltretutto mentre il settore è in una situazione particolare, con Sky che vive uno strano periodo nel quale gli abbonamenti scendono e i ricavi pubblicitari salgono e Mediaset colta di sorpresa dall’incursione francese di Vincent Bolloré. Per adesso, non tutti i contenuti dispongono di un doppiaggio o dei sottotitoli in italiano, ma sono tutti disponibili in ognuno dei paesi che ospitano il servizio, anche per il download. (E.V. per NL)

14/12/2016 12:54
 
NOTIZIE CORRELATE
Tagli drastici al pacchetto calcio con l’obiettivo di ridurre le spese: questo l’intento annunciato da Piersilvio Berlusconi durante la presentazione delle linee di sviluppo della pay-tv relative all’anno 2020.
A volte ritornano. Sky punta ancora alla pay-tv di Mediaset: la relazione burrascosa tra il Biscione e Vivendi diventa terreno di conquista per il vecchio pretendente.
Arriva sul mercato digitale Amazon Chime, il nuovo prodotto di videoconferenza per lavoratori lanciato dal gigante dell’e-commerce.
Premium è il motivo del rosso di Mediaset: è questa la conclusione chiara che si evince dal rapporto Mediobanca sui prossimi anni che aspettano il Biscione; nel frattempo, l’affaire con Vivendi è ancora in attesa di ulteriori sviluppi.
Il governo si prepara a “omogeneizzare la normativa italiana a quelle più stringenti di altri paesi europei, come ad esempio la Francia” in tema di scalate nelle società quotate in borsa o, almeno, così sostiene il relatore del ddl concorrenza Salvatore Tomaselli.