Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, Ip. Arriva anche in Italia la tv di Amazon

Debutta Prime Video anche in Italia: il servizio SVOD di Amazon ha, per la precisione, debuttato contemporaneamente in 200 paesi, fra i quali rientra anche la Penisola.
Un altro tassello, dunque, che va ad aggiungersi alla sempre più agguerrita concorrenza nel mondo della produzione e distribuzione di contenuti che già era stata stimolata significativamente lo scorso anno, con il debutto di Netflix. Adesso, anche l’azienda di Jeff Bezos ci mette il suo catalogo, oltretutto mentre il settore è in una situazione particolare, con Sky che vive uno strano periodo nel quale gli abbonamenti scendono e i ricavi pubblicitari salgono e Mediaset colta di sorpresa dall’incursione francese di Vincent Bolloré. Per adesso, non tutti i contenuti dispongono di un doppiaggio o dei sottotitoli in italiano, ma sono tutti disponibili in ognuno dei paesi che ospitano il servizio, anche per il download. (E.V. per NL)

14/12/2016 12:54
 
NOTIZIE CORRELATE
Netflix da record nel 2016, nonostante gli scetticismi provenienti da alcune fonti, alla fine il gigante californiano ha chiuso l’ultimo trimestre dell’anno trascorso con i conti in regola (anche in borsa) e un parco utenti che sale vertiginosamente, avvicinandosi sempre di più alla quota dei 100 milioni.
Trovare fonti di ricavo: questo è l’obiettivo di Mediaset per il nuovo anno, stando a quanto si evince dalle linee guida di sviluppo presentate oggi, 18 gennaio, a Londra e pubblicate sulla sezione dedicata agli investitori del suo sito.
Deliberato all'unanimità dal cda di Auditel il piano quinquennale che contempla, tra le altre cose, l’estensione della rilevazione dai televisori ai nuovi device e alle smart tv.
I giganti dello streaming on demand puntano ad aumentare le produzioni originali, una scelta che fino ad oggi si è rivelata vincente dal punto di vista commerciale.
Sembra un assalto in piena regola, quello portato avanti da Vincent Bolloré al fortino di Mediaset, grazie ad una rapida scalata nella proprietà del Biscione che l’ha reso, ora, il secondo azionista industriale, cioè l’obiettivo annunciato lunedì.