Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, Ip. Netflix, ancora cruciale il videonoleggio: 68 mln dai dvd per coprire le spese internazionali

La maggior parte delle persone forse conosce Netflix grazie a “Narcos” o “Orange is the new black”, le serie tv che hanno spopolato in diversi paesi tra cui l’Italia ma, soprattutto, grazie al suo servizio SVOD (Subscription Video On Demand) che è il più diffuso al mondo, ma in origine l’azienda di Reed Hastings faceva altro.
In realtà, infatti, la società di Los Gatos è nata nel 1997 nel campo del videonoleggio per fare concorrenza a Blockbuster. Questo servizio, seppur meno redditizio rispetto a venti anni fa (il fallimento di Blockbuster nel 2013 ne è la dimostrazione), è ancora attivo negli Stati Uniti e ha 4,2 milioni di abbonati. I dvd e i blu ray vengono spediti via posta e non ci sono tempi di restituzione a fronte di un abbonamento mensile che va dai 5 ai 12 dollari. Il bacino di utenza porta un utile di 69 milioni di dollari, questo nonostante l’azienda californiana abbia deciso da due anni a questa parte di non investire nel marketing di questo settore. Il business, infatti, rappresenta soltanto il 6% dei ricavi pari a 132,4 milioni di dollari e serve principalmente a coprire le spese che l’azienda affronta a livello internazionale per supportare i suoi svariati investimenti. Ad oggi, tuttavia, il punto di forza in Netflix è rappresentato, come noto, dallo streaming on demand che negli States, tra giugno e settembre, ha portato ricavi per 475 milioni con la possibilità di crescere ancora grazie all’ampliamento dell’offerta. (M.R. per NL)
17/11/2016 10:35
 
NOTIZIE CORRELATE
Tagli drastici al pacchetto calcio con l’obiettivo di ridurre le spese: questo l’intento annunciato da Piersilvio Berlusconi durante la presentazione delle linee di sviluppo della pay-tv relative all’anno 2020.
A volte ritornano. Sky punta ancora alla pay-tv di Mediaset: la relazione burrascosa tra il Biscione e Vivendi diventa terreno di conquista per il vecchio pretendente.
Premium è il motivo del rosso di Mediaset: è questa la conclusione chiara che si evince dal rapporto Mediobanca sui prossimi anni che aspettano il Biscione; nel frattempo, l’affaire con Vivendi è ancora in attesa di ulteriori sviluppi.
Il governo si prepara a “omogeneizzare la normativa italiana a quelle più stringenti di altri paesi europei, come ad esempio la Francia” in tema di scalate nelle società quotate in borsa o, almeno, così sostiene il relatore del ddl concorrenza Salvatore Tomaselli.
Netflix da record nel 2016, nonostante gli scetticismi provenienti da alcune fonti, alla fine il gigante californiano ha chiuso l’ultimo trimestre dell’anno trascorso con i conti in regola (anche in borsa) e un parco utenti che sale vertiginosamente, avvicinandosi sempre di più alla quota dei 100 milioni.