Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, contributi: più fondi per il comparto?

Il 9 novembre, il sottosegretario applicato al Dipartimento Comunicazioni del Ministero dello Sviluppo Economico, Antonello Giacomelli, ha firmato due decreti ministeriali con i quali il suo dicastero ha avviato la fase che porterà alla liquidazione dei contributi annuali alle emittenti televisive locali relativi al 2015 per complessivi 36.395.464 euro.
Nè da notizia la presidente del Comitato regionale per le Comunicazioni della Basilicata, Giuditta Lamorte che aggiunge: "Poiché non sono ancora pervenute le graduatorie da parte dei Corecom di Campania e Sicilia per non ritardare la liquidazione del contributo alle emittenti delle altre regioni il Mise ha effettuato un riparto provvisorio, in attesa di emanare appena possibile quello definitivo. Una volta pubblicati in Gazzetta Ufficiale i due decreti ministeriali e previa registrazione degli stessi da parte degli organi di controllo, il Mise potrà liquidare alle emittenti il 90 per cento delle somme loro spettanti. Si ricorda, inoltre che il Ministero dello Sviluppo economico ha reso noto, lo scorso 9 maggio, lo schema di ‘Linee guida per l’elaborazione del regolamento sui criteri e le procedure di erogazione dei contributi in favore delle emittenti televisive e radiofoniche locali’ e si ricorda, anche, che la legge di stabilità 2016 (legge n. 208/2015), ha introdotto la riforma della normativa per i contributi pubblici a sostegno di tv e radio locali, modificando, attraverso la costituzione di un Fondo per il pluralismo e l’innovazione dell’informazione, tanto i principi in base ai quali tali finanziamenti vengono ripartiti, tanto la relativa procedura amministrativa. Nello specifico, la legge di stabilità 2016 ha previsto l’adozione di una nuova regolamentazione per la disciplina di ripartizione e di erogazione di detti contributi. Ogni anno il Ministero dello Sviluppo Economico emana uno specifico Bando concernente le norme per la concessione dei contributi alle emittenti televisive locali previsti dalla Legge 448/1998. Il Bando per i contributi 2015 è stato emanato sulla base del Decreto ministeriale 292/2004 ‘Regolamento recante nuove norme per la concessione alle emittenti televisive locali dei benefici previsti dall'articolo 45, comma 3, della Legge 23 dicembre 1998, n. 448, e successive modifiche e integrazioni’ (Gazzetta Ufficiale n.285 del 4 dicembre 2004) e le domande dovevano essere inoltrate ai Corecom competenti per territorio.Il Regolamento - da emanare a seguito della recente riforma - stabilirà i criteri di riparto tra i soggetti beneficiari – continua la Presidente - e le procedure di erogazione delle risorse, da assegnare in favore delle emittenti radiofoniche e televisive locali per la realizzazione di obiettivi di pubblico interesse, quali la promozione del pluralismo dell'informazione, il sostegno dell'occupazione nel settore, il miglioramento dei livelli qualitativi dei contenuti forniti e l'incentivazione dell'uso di tecnologie innovative". "Considerati, però – conclude Giuditta Lamorte - i tempi tecnici del relativo iter procedimentale, il nuovo regolamento previsto dalla legge di stabilità 2016 dovrebbe essere emanato nel corso dell’anno 2017”. (R.R. per NL)
11/11/2016 09:15
 
NOTIZIE CORRELATE
"Non riesco ancora a metabolizzarlo, ma, per noi, il 2016 è stato l'anno della maggior raccolta pubblicitaria degli ultimi 20 anni", spiega il responsabile di una storica emittente televisiva locale che opera a cavallo tra Piemonte e Lombardia.
Stretta nelle morse della crisi (ma anche da gravissime scelte errate compiute, quantomeno negli ultimi dieci anni, dall'intero comparto) che non risparmia quasi nessuna tv locale, anche la storica emittente interregionale Telecity (legata a 7 Gold), anzi l'intero gruppo piemontese che la riguarda (e che ha grandi interessi anche in Lombardia e Liguria), pensa ad un licenziamento collettivo, che in questo caso riguarda 60/70 dipendenti.
Si è conclusa positivamente la cessione della storica emittente veneta Antenna 3 Nord Est. Il nuovo titolare è una società del gruppo Rete Veneta.
"Il  23  dicembre,  il  "regalo"  dell'editore   di   Trentino Tv   Graziano   Angeli   di   voler   licenziare   3 giornalisti. L'annuncio durante l'incontro con Sindacato Giornalisti del Trentino Alto Adige e Fistel-CISL".
Nella riunione del Consiglio dei Ministri del 29 dicembre scorso sono stati nominati i Sottosegretari di Stato del Governo Gentiloni. Rispetto al governo Renzi che ne aveva 44, i Sottosegretari sono ridotti a 41, e si tratta in larga parte di riconferme. Il primo Ministro ha rivendicato la stabilità della squadra, per garantire la continuità sul piano politico.