Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali. Sospiro di sollievo: per la prima volta dopo due anni dal trauma dello switch-off ricrescono gli ascolti
 
Le emittenti locali, dopo anni di caduta libera, recuperano audience. Svanito l’iniziale effetto negativo dello switch off, dai dati Auditel emergono infatti ascolti medi e contatti netti giornalieri in generale aumento sul 2013.
I numeri non sono certo paragonabili a quelli della tv analogica - cosa impossibile, del resto, considerato l'ampliamento dell'offerta col DTT con conseguente frammentazione dell'ascolto complessivo (la platea degli utenti è rimasta naturalmente invariata) su un numero almeno quintuplicato di canali - ma comunque sono in evidente miglioramento sull’anno precedente, anno di transizione, visto che nei 12 mesi ancora precedenti tutte le regioni sono passate definitivamente al digitale (Puglia, Calabria e Sicilia hanno effettuato il passaggio nel secondo semestre 2012, mentre pochi mesi prima era toccato a Abruzzo, Molise e Basilicata). Nel dettaglio, non si schioda dalla vetta la pugliese Telenorba (fondata nel 1976 da Luca Montrone), con ascolti medi giornalieri in crescita del 6% sul 2013; bene anche Telelombardia, la seconda classificata (che sale di una posizione rispetto allo scorso anno) e per la sarda Videolina, che si aggiudica il bronzo con un +15,6% sul 2013 (anno in cui era sesta in classifica). Hanno reagito positivamente al cambiamento anche la lombarda-piemontese 7 Gold Telecity e Italia 53, quest’ultima in una quinta posizione anomala, dato che si tratta di una tv pluriregionale di Canale Italia e non di una emittente locale vera e propria. Chi invece ha risentito delle rivoluzioni dello switch off è la campana Napoli Canale 21, in pesante calo del 23% nell’ascolto medio, così come Telecapri che scende del 6,7% come riportato dalle tabelle Auditel. In termini retrospettivi, si delinea un panorama che ha visto il moltiplicarsi dei canali disponibili, le tv locali hanno dovuto affrontare grandi investimenti, rimanendo parzialmente schiacciate dalla maggior presenza nell’etere dei canali free trasmessi a livello nazionale. Lasciato alle spalle il periodo di crisi legato al passaggio dall’analogico al digitale, sembra ora che le emittenti regionali possano ben sperare per il futuro e iniziare a scommettere sull’incremento dei loro ascolti. (V.R. per NL)
 
05/06/2014 08:40
 

Italia 53 non va trattata come locale, ma come nazionale!

Scusate, io seguo molto questo periodico e vedo che è sempre molto preciso. Quando pero' parlate di Italia 53 la cosa è sempre diversa. Non fate che incensarne il miglioramento, l'aumento dei dati e cosi' via. Vi segnalo di nuovo che Italia 53 non ha "reagito positivamente al cambiamento" da analogico a digitale come dite, visto che semplicemente è nata con il digitale, prima non c'era. E' molto facile crescere rispetto al valore Zero di partenza. E poi, pur essendo in effetti una pluriregionale, gode di una numerazione Nazionale tra le prime 60. Ti credo che ha risultati migliori delle altre! Voglio ribadire che non ho nulla contro tale emittente, che sta facendo dei buoni talk in diretta con gli ascoltatori, ma quella che rappresentate non è la situazione ascolti reale. Continuate a trattarla da locale ed a paragonarla alle altre locali, invece è nazionale ed andrebbe paragonata alle altre nazionali. (Numerazione da 20 a 70 = nazionali!!!).
Grazie

sabato100

NOTIZIE CORRELATE
"Non riesco ancora a metabolizzarlo, ma, per noi, il 2016 è stato l'anno della maggior raccolta pubblicitaria degli ultimi 20 anni", spiega il responsabile di una storica emittente televisiva locale che opera a cavallo tra Piemonte e Lombardia.
Stretta nelle morse della crisi (ma anche da gravissime scelte errate compiute, quantomeno negli ultimi dieci anni, dall'intero comparto) che non risparmia quasi nessuna tv locale, anche la storica emittente interregionale Telecity (legata a 7 Gold), anzi l'intero gruppo piemontese che la riguarda (e che ha grandi interessi anche in Lombardia e Liguria), pensa ad un licenziamento collettivo, che in questo caso riguarda 60/70 dipendenti.
Si è conclusa positivamente la cessione della storica emittente veneta Antenna 3 Nord Est. Il nuovo titolare è una società del gruppo Rete Veneta.
Deliberato all'unanimità dal cda di Auditel il piano quinquennale che contempla, tra le altre cose, l’estensione della rilevazione dai televisori ai nuovi device e alle smart tv.
"Il  23  dicembre,  il  "regalo"  dell'editore   di   Trentino Tv   Graziano   Angeli   di   voler   licenziare   3 giornalisti. L'annuncio durante l'incontro con Sindacato Giornalisti del Trentino Alto Adige e Fistel-CISL".