Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali. Sospiro di sollievo: per la prima volta dopo due anni dal trauma dello switch-off ricrescono gli ascolti
 
Le emittenti locali, dopo anni di caduta libera, recuperano audience. Svanito l’iniziale effetto negativo dello switch off, dai dati Auditel emergono infatti ascolti medi e contatti netti giornalieri in generale aumento sul 2013.
I numeri non sono certo paragonabili a quelli della tv analogica - cosa impossibile, del resto, considerato l'ampliamento dell'offerta col DTT con conseguente frammentazione dell'ascolto complessivo (la platea degli utenti è rimasta naturalmente invariata) su un numero almeno quintuplicato di canali - ma comunque sono in evidente miglioramento sull’anno precedente, anno di transizione, visto che nei 12 mesi ancora precedenti tutte le regioni sono passate definitivamente al digitale (Puglia, Calabria e Sicilia hanno effettuato il passaggio nel secondo semestre 2012, mentre pochi mesi prima era toccato a Abruzzo, Molise e Basilicata). Nel dettaglio, non si schioda dalla vetta la pugliese Telenorba (fondata nel 1976 da Luca Montrone), con ascolti medi giornalieri in crescita del 6% sul 2013; bene anche Telelombardia, la seconda classificata (che sale di una posizione rispetto allo scorso anno) e per la sarda Videolina, che si aggiudica il bronzo con un +15,6% sul 2013 (anno in cui era sesta in classifica). Hanno reagito positivamente al cambiamento anche la lombarda-piemontese 7 Gold Telecity e Italia 53, quest’ultima in una quinta posizione anomala, dato che si tratta di una tv pluriregionale di Canale Italia e non di una emittente locale vera e propria. Chi invece ha risentito delle rivoluzioni dello switch off è la campana Napoli Canale 21, in pesante calo del 23% nell’ascolto medio, così come Telecapri che scende del 6,7% come riportato dalle tabelle Auditel. In termini retrospettivi, si delinea un panorama che ha visto il moltiplicarsi dei canali disponibili, le tv locali hanno dovuto affrontare grandi investimenti, rimanendo parzialmente schiacciate dalla maggior presenza nell’etere dei canali free trasmessi a livello nazionale. Lasciato alle spalle il periodo di crisi legato al passaggio dall’analogico al digitale, sembra ora che le emittenti regionali possano ben sperare per il futuro e iniziare a scommettere sull’incremento dei loro ascolti. (V.R. per NL)
 
05/06/2014 08:40
 

Italia 53 non va trattata come locale, ma come nazionale!

Scusate, io seguo molto questo periodico e vedo che è sempre molto preciso. Quando pero' parlate di Italia 53 la cosa è sempre diversa. Non fate che incensarne il miglioramento, l'aumento dei dati e cosi' via. Vi segnalo di nuovo che Italia 53 non ha "reagito positivamente al cambiamento" da analogico a digitale come dite, visto che semplicemente è nata con il digitale, prima non c'era. E' molto facile crescere rispetto al valore Zero di partenza. E poi, pur essendo in effetti una pluriregionale, gode di una numerazione Nazionale tra le prime 60. Ti credo che ha risultati migliori delle altre! Voglio ribadire che non ho nulla contro tale emittente, che sta facendo dei buoni talk in diretta con gli ascoltatori, ma quella che rappresentate non è la situazione ascolti reale. Continuate a trattarla da locale ed a paragonarla alle altre locali, invece è nazionale ed andrebbe paragonata alle altre nazionali. (Numerazione da 20 a 70 = nazionali!!!).
Grazie
—

sabato100

NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.