Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Mediaset-Vivendi: Agcom avvia procedura di verifica rispetto limiti SIC

L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha aperto un'istruttoria sugli effetti della scalata dei francesi di Vivendi a Mediaset. Il procedimento, avviato con la Delibera 654/16/CONS, è finalizzato alla verifica della eventuale sussistenza di una violazione dell’art. 43, comma 11, del D. Lgs. 177/2005 da parte della società Vivendi S.A. nonché all’eventuale adozione delle misure previste dall’articolo 43 del medesimo decreto legislativo.
L'impulso alla procedura viene dalla nota della società Mediaset S.p.a. del 20/12/2016, con cui è stato segnalato che la società Vivendi S.A., già titolare al 15/12/2016 di una partecipazione significativa in Telecom Italia S.p.A., pari al 23,915%, e "tale da conferirle una posizione di controllo di fatto o comunque di “material influence” sulla stessa Telecom Italia S.p.A.", ha recentemente acquisito una partecipazione di minoranza in Mediaset S.p.A., superiore al 20% del capitale sociale. Tale partecipazione, non si qualifica, secondo Mediaset, come mera partecipazione passiva, ma risponde ad esplicite finalità strategiche di mercato, volte ad accrescere e consolidare la posizione del gruppo nei mercati italiani dei media e dei contenuti. Mediaset rileva inoltre che, in ogni caso, lesuddette partecipazioni, ai sensi dell’art. 2359 del Codice civile, configurano un’ipotesi di collegamento rilevante ai fini del comma 11, dell’articolo 43 del d. lgs. 177/2005. In questa prospettiva, poiché Telecom Italia S.p.A. consegue ricavi superiori al 40% dei ricavi riconducibili al settore delle comunicazioni elettroniche, così come definito ai sensi dell’articolo 18 del d. lgs. 259/2003, e Mediaset S.p.A. consegue ricavi superiori al 10% del Sistema integrato delle comunicazioni, attraverso tali partecipazioni azionarie, si determinerebbe una violazione delle disposizioni vigenti poste a tutela del pluralismo, previste in particolare dal citato articolo 43, comma 11. Il termine per l’adozione del provvedimento finale è di 120 giorni decorrenti dalla data di notificazione della delibera 654/16/CONS, prorogabile con atto motivato del Consiglio fino ad un massimo di 60 giorni. (E.G. per NL)
28/12/2016 16:36
 
NOTIZIE CORRELATE
Trovare fonti di ricavo: questo è l’obiettivo di Mediaset per il nuovo anno, stando a quanto si evince dalle linee guida di sviluppo presentate oggi, 18 gennaio, a Londra e pubblicate sulla sezione dedicata agli investitori del suo sito.
Il polo radiofonico del Biscione, RadioMediaset (che controlla le emittenti nazionali R101, Radio 105, Virgin Radio e GBR-Orbital), ha deciso di puntare soprattutto sulla rete principale, Radio 105, operando investimenti captive in promozione ed importanti travasi frequenziali.
Pubblicato dall'Agcom l'Osservatorio sulle Comunicazioni n. 4/2016 datato 28/12/2016. Tra i dati più rilevanti: Rai e Mediaset sono i due principali operatori in termini di audience, con il 34,4% e il  32,3% di quote di ascolto, pur attestandosi su livelli di share inferiori  rispetto al 2012.
L’Autorità, con la delibera n. 557/16/CONS, ha avviato una indagine conoscitiva concernente le prospettive di sviluppo dei sistemi wireless e mobili verso la quinta generazione (5G) e l’utilizzo di nuove porzioni di spettro al di sopra dei 6 GHz.
"Ho sempre detto che volevo raggiungere un accordo e adesso che siamo i secondi azionisti (Vivendi è al 29,94% dei diritti di voto, cioè appena sotto la soglia che fa scattare l’Opa, mentre Fininvest ha il 39,775%, ndr) ci sono ancora più ragioni per cui dovremmo trovarlo".