Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, pay IP: Netflix apre le porte al download

Netflix apre la porta ai download: i contenuti presenti sul portale di streaming a pagamento di Los Gatos, infatti, saranno ora scaricabili attraverso l’applicazione disponibile per IOS e Android.
La questione era discussa da diverso tempo e l’azienda di Reed Hastings si era sempre tenuta molto abbottonata sulle reali intenzioni per il futuro. Non sarà possibile scaricare l’intero catalogo da subito, ma la feature download è già disponibile per diversi contenuti da classici come Breaking Bad a novità che hanno segnato il successo del servizio SVOD, come Narcos o Stranger Things, includendo anche film e documentari. Inoltre, altra novità che potrebbe interessare gli abbonati, sembrerebbe che la serie di grande successo House of Cards sia finalmente pronta a debuttare anche in Italia, dove i diritti erano sinora detenuti da Sky, a partire dal 2017. Tutte queste mosse sembrano mirate a sopportare l’impatto della concorrenza, che oltre ad arrivare da chi già operava nel settore della pay tv (come la stessa Sky o Infinity di Mediaset) si prepara a manifestarsi anche attraverso vere e proprie corazzate come Amazon. (E.V. per NL)
04/12/2016 11:18
 
NOTIZIE CORRELATE
Netflix da record nel 2016, nonostante gli scetticismi provenienti da alcune fonti, alla fine il gigante californiano ha chiuso l’ultimo trimestre dell’anno trascorso con i conti in regola (anche in borsa) e un parco utenti che sale vertiginosamente, avvicinandosi sempre di più alla quota dei 100 milioni.
Trovare fonti di ricavo: questo è l’obiettivo di Mediaset per il nuovo anno, stando a quanto si evince dalle linee guida di sviluppo presentate oggi, 18 gennaio, a Londra e pubblicate sulla sezione dedicata agli investitori del suo sito.
Deliberato all'unanimità dal cda di Auditel il piano quinquennale che contempla, tra le altre cose, l’estensione della rilevazione dai televisori ai nuovi device e alle smart tv.
I giganti dello streaming on demand puntano ad aumentare le produzioni originali, una scelta che fino ad oggi si è rivelata vincente dal punto di vista commerciale.
Debutta Prime Video anche in Italia: il servizio SVOD di Amazon ha, per la precisione, debuttato contemporaneamente in 200 paesi, fra i quali rientra anche la Penisola.