Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, pay IP: Netflix apre le porte al download

Netflix apre la porta ai download: i contenuti presenti sul portale di streaming a pagamento di Los Gatos, infatti, saranno ora scaricabili attraverso l’applicazione disponibile per IOS e Android.
La questione era discussa da diverso tempo e l’azienda di Reed Hastings si era sempre tenuta molto abbottonata sulle reali intenzioni per il futuro. Non sarà possibile scaricare l’intero catalogo da subito, ma la feature download è già disponibile per diversi contenuti da classici come Breaking Bad a novità che hanno segnato il successo del servizio SVOD, come Narcos o Stranger Things, includendo anche film e documentari. Inoltre, altra novità che potrebbe interessare gli abbonati, sembrerebbe che la serie di grande successo House of Cards sia finalmente pronta a debuttare anche in Italia, dove i diritti erano sinora detenuti da Sky, a partire dal 2017. Tutte queste mosse sembrano mirate a sopportare l’impatto della concorrenza, che oltre ad arrivare da chi già operava nel settore della pay tv (come la stessa Sky o Infinity di Mediaset) si prepara a manifestarsi anche attraverso vere e proprie corazzate come Amazon. (E.V. per NL)
04/12/2016 11:18
 
NOTIZIE CORRELATE
Tagli drastici al pacchetto calcio con l’obiettivo di ridurre le spese: questo l’intento annunciato da Piersilvio Berlusconi durante la presentazione delle linee di sviluppo della pay-tv relative all’anno 2020.
A volte ritornano. Sky punta ancora alla pay-tv di Mediaset: la relazione burrascosa tra il Biscione e Vivendi diventa terreno di conquista per il vecchio pretendente.
Premium è il motivo del rosso di Mediaset: è questa la conclusione chiara che si evince dal rapporto Mediobanca sui prossimi anni che aspettano il Biscione; nel frattempo, l’affaire con Vivendi è ancora in attesa di ulteriori sviluppi.
Il governo si prepara a “omogeneizzare la normativa italiana a quelle più stringenti di altri paesi europei, come ad esempio la Francia” in tema di scalate nelle società quotate in borsa o, almeno, così sostiene il relatore del ddl concorrenza Salvatore Tomaselli.
Netflix da record nel 2016, nonostante gli scetticismi provenienti da alcune fonti, alla fine il gigante californiano ha chiuso l’ultimo trimestre dell’anno trascorso con i conti in regola (anche in borsa) e un parco utenti che sale vertiginosamente, avvicinandosi sempre di più alla quota dei 100 milioni.