Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Rai 2 orfana di Santoro e dell’Isola dei Famosi. Direttore come volpe con uva: Auditel non è nostro obiettivo.
 
Il direttore Angelo Teodoli punta sull’informazione, sulla complessità e sull’investimento in nuovi progetti.
Sembrano lontani i tempi dei successi di Simona Ventura, dell’Isola dei Famosi, di X Factor e di Michele Santoro: tolto The Voice, talent show che lo scorso anno ha chiuso con una media del 13,71% di share (con 3,307 mln di spettatori), mancano alla seconda rete nazionale i record clamorosi, che marcano un canale di forte identità. E che dire dell’informazione? Verranno proposti format in grado di eguagliare il successo di cui godeva Santoro con il suo Anno Zero? Teodoli afferma che la mission della rete non è solamente di tipo informativo: posto che il servizio pubblico deve comunque dare spazio alla cronaca e che negli ultimi tempi va via via aumentando l’interesse dei telespettatori per la politica, Rai 2 scommette su Virus (programma televisivo di approfondimento politico e di attualità, condotto da Nicola Porro), e su 2Next di Annalisa Bruchi (in onda in seconda serata). Il direttore facendo il bilancio del lavoro effettuato in un anno (si è insediato a novembre 2012), si dichiara positivo per il 2014 - nonostante non tutte le novità introdotte abbiano avuto un buon esito - facendo gioco-forza su alcuni dei programmi della rete, quali Made in Sud, Boss in incognito (di cui verrà proposta una seconda edizione), Pechino Express, il Musichione con Elio e le storie tese. Teodoli ribadisce che Rai 2 non vuole puntare a ottenere picchi di audience, ma mira a entrare in contatto con “un pubblico giovane, attivo, curioso, di una fascia di età compresa tra i 30 e i 50 anni”. Basteranno le novità dei prossimi mesi, a far sì che un telespettatore medio riesca ad essere attratto dal secondo canale nazionale? Non ci resta che stare a vedere e tirare le somme (dati Auditel alla mano). (V.R. per NL)
 
12/03/2014 20:52
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.