Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Rai 2 orfana di Santoro e dell’Isola dei Famosi. Direttore come volpe con uva: Auditel non è nostro obiettivo.
 
Il direttore Angelo Teodoli punta sull’informazione, sulla complessità e sull’investimento in nuovi progetti.
Sembrano lontani i tempi dei successi di Simona Ventura, dell’Isola dei Famosi, di X Factor e di Michele Santoro: tolto The Voice, talent show che lo scorso anno ha chiuso con una media del 13,71% di share (con 3,307 mln di spettatori), mancano alla seconda rete nazionale i record clamorosi, che marcano un canale di forte identità. E che dire dell’informazione? Verranno proposti format in grado di eguagliare il successo di cui godeva Santoro con il suo Anno Zero? Teodoli afferma che la mission della rete non è solamente di tipo informativo: posto che il servizio pubblico deve comunque dare spazio alla cronaca e che negli ultimi tempi va via via aumentando l’interesse dei telespettatori per la politica, Rai 2 scommette su Virus (programma televisivo di approfondimento politico e di attualità, condotto da Nicola Porro), e su 2Next di Annalisa Bruchi (in onda in seconda serata). Il direttore facendo il bilancio del lavoro effettuato in un anno (si è insediato a novembre 2012), si dichiara positivo per il 2014 - nonostante non tutte le novità introdotte abbiano avuto un buon esito - facendo gioco-forza su alcuni dei programmi della rete, quali Made in Sud, Boss in incognito (di cui verrà proposta una seconda edizione), Pechino Express, il Musichione con Elio e le storie tese. Teodoli ribadisce che Rai 2 non vuole puntare a ottenere picchi di audience, ma mira a entrare in contatto con “un pubblico giovane, attivo, curioso, di una fascia di età compresa tra i 30 e i 50 anni”. Basteranno le novità dei prossimi mesi, a far sì che un telespettatore medio riesca ad essere attratto dal secondo canale nazionale? Non ci resta che stare a vedere e tirare le somme (dati Auditel alla mano). (V.R. per NL)
 
12/03/2014 21:52
 
NOTIZIE CORRELATE
L’espediente della bolletta è riuscito a ridurre l’evasione dal canone RAI. Questo è il dato che emerge dalla presentazione dei risultati del 2016 condotta dal direttore generale dell’Agenzia delle entrate Rossella Orlandi, insieme al ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan e al viceministro Luigi Casero.

Si chiude in bellezza il 2016 per la raccolta pubblicitaria sul mezzo televisivo che sale del 5,4% rispetto al 2015 e si stabilizza a quota 3,84 mld di euro.
Mediaset si aggiudica il 56,2% de

"A febbraio inoltrato non si ha ancora chiarezza sui conti dell’anno 2016 nè sul testo di rinnovo della concessione di servizio pubblico radiotelevisivo".
La Rai punterà sul digitale (inteso come internet) mettendo al centro del nuovo piano per l’informazione una piattaforma web e social. L’ultimo consiglio d’amministrazione presieduto da Monica Maggioni ha portato dei cambiamenti nella gestione delle reti pubbliche in linea con il progetto di ristrutturazione preannunciato dalla nuova dirigenza.
Sembra proprio che, in tema di ascolti, questo 2017 non porterà buone nuove per i player generalisti. I segnali di tempesta ci sarebbero tutti: non oggi, forse nemmeno domani, ma quel consumo televisivo in calo, fra un anno e l’altro, del 15,6% fra i 15-19enni e del 9,7% fra i 25-34enni è un fattore che dovrebbe tenere alta l’attenzione.