Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, sat. Il Tribunale di Parigi dà ragione alla tv italo-curda Med Nuce Tv. Di nuovo in onda su Eutelsat

Il Tribunal de Commerce di Parigi il 17/11/2016, all'esito del ricorso presentato, ha ordinato alla società francese Eutelsat, che gestisce la comunicazione satellitare in Europa, di riaccendere il segnale della televisione curda Med Nuce TV.
Ricordiamo che, unilateralmente e su pressione di RTUK, l’autorità turca per la televisione, Eutelsat lo scorso 3 ottobre aveva oscurato Med Nuce TV, interrompendo l’erogazione dei servizi di comunicazione satellitare. Il Tribunale parigino si è espresso nella maniera seguente: “Riteniamo che l’interruzione della trasmissione da parte di EUTELSAT, su base solo della sua decisione e della sua responsabilità, costituisce un danno per Med Nuce TV, che è stato effettuato con infrazione manifesta delle disposizioni della CETT (Convenzione Europea sulla Televisione Transfrontaliera) e che l’azione è chiaramente illecita. Quindi noi chiediamo il ristabilimento dei programmi del canale MED NUCE TV interrotti il 3 ottobre 2016. Stabiliamo inoltre il compenso di 5000 euro per le spese legali sostenute da Med Nuce TV. Per ogni giorno di ritardo d’attuazione della sentenza, inoltre, il Tribunale parigino ha stabilito che Eutelsat debba pagare la somma di 10.000 euro a Med Nuce TV, a titolo di indennizzo. Jean Luis Malterre, l’avvocato che ha difeso la televisione curda contro Eutelsat, ha detto che la sentenza costituisce una vittoria per la libertà di stampa e d’espressione.” La redazione di Med Nuce TV, in un comunicato, a dichiarato di considerare  la sentenza "un atto che ristabilisce la normale agibilità per un organo d’informazione che opera in favore della diffusione della cultura e dell’emancipazione del popolo curdo. Coglie l’occasione per ringraziare le testate giornalistiche, le associazioni culturali e le organizzazioni politiche che hanno sostenuto le sue ragioni, contro un sopruso unilaterale e senza giustificazioni. Annuncia la ripresa imminente delle trasmissioni sul canale satellitare Hotbird e in rete sul sito www.mednuce.tv". (E.G. per NL)
18/11/2016 07:01
 
NOTIZIE CORRELATE
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
La centralità di internet è, nel mondo moderno, sempre più permeante e nelle zone caratterizzate dal fenomeno del digital divide, il disagio consiste nel non beneficiare di una connessione internet fissa, o di averne una troppo lenta che, inevitabilmente, va ad intaccare il lavoro degli utenti che utilizzano la rete per questioni legate al business.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.
Il rigore del metodo è ciò che conferisce alle scienze dure credibilità e affidabilità e, per questo motivo, vanta numerosi tentativi di esportazione in altre aree del sapere. Se da uno studio dipendono decisioni importanti, poi, rasserena poter contare su un metodo considerato garanzia di conoscenza (quasi) certa della realtà oggettiva. La pubblicità in radio, tuttavia, non gode di questo privilegio.
Chi legge i giornali lo fa sempre più spesso sul proprio telefonino. L'Acpm (Alliance pour le ciffres de la presse et des médias), incaricata di monitorare la diffusione della stampa in Francia, ha certificato il sorpasso del digitale (53%) sulla carta stampata (47%) per quanto riguarda le abitudini dei lettori, mentre, tra le persone che leggono i giornali sul web, il 41% utilizza uno smartphone e il 40% si avvale del pc.