Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Sky: redazioni chiuse, giornalisti a casa e utile a +9%

Si schierano in favore dei loro colleghi di Sky i giornalisti della RAI che, stasera, durante tutti i Tg e Gr, leggeranno un “comunicato di solidarietà dei giornalisti Rai nei confronti dei dipendenti di Sky impegnati in una dura vertenza sindacale contro le ipotesi di esuberi e trasferimenti decisi dalla loro azienda”.
Questo è quanto si legge sul sito di USIGRai, a proposito della recente polemica relativa ai licenziamenti programmati dalla pay tv di Murdoch con annessa chiusura della sede romana. Nello specifico, la sede capitolina di Sky vedrà, secondo il piano comunicato dall’a.d. Andrea Zappia ai sindacati, il 70% del personale in esubero oppure oggetto di trasferimento, lo spostamento della redazione di Sky Tg24 da Roma a Milano e sarà infine ridimensionato il settori di Facility management e Finance, i cui attuali 600 impiegati saranno in parte (120) licenziati e in parte (300) trasferiti. Per protestare contro queste decisioni, i giornalisti della redazione romana di Sky hanno fatto uno sciopero di 24 ore; ironicamente, proprio oggi diversi organi di stampa hanno diffuso dati sui risultati operativi della filiale italiana del gruppo: Sky Italia chiude i sei mesi al 31 dicembre 2016 con ricavi a 1,4 miliardi di euro, in crescita del 9% anno su anno; ma si sa, i giornalisti sono eccessivamente costosi. (E.V. per NL)

26/01/2017 16:26
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Lo scorso 17 marzo il consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare il decreto legislativo “che prevede disposizioni per l’incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, in attuazione della legge 26 ottobre 2016, n. 198” (Comunicato stampa ufficiale del Consiglio dei Ministri).
La “ricongiunzione” consente – a chi ha versato contributi in gestioni previdenziali diverse – di accentrare tutti i periodi assicurativi presso un unico ente, al fine di ottenere un’unica pensione. Le contribuzioni sono materialmente trasferite da ente ad ente.
Sky Italia diventa il terzo polo della produzione e distribuzione cinematografica nazionale, ma le concorrenti storiche del mercato Rai con Rai Cinema e Mediaset con Medusa film non sembrano preoccuparsi eccessivamente.