Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Vivendi, nello streaming con le short series: nasce Studio+

Vivendi è pronta a lanciare Studio Plus, servizio che permetterà agli utenti di vedere short series esclusivamente su dispositivi mobili tramite abbonamento mensile, progetto nato in collaborazione con Tim, di cui i francesi detengono la maggioranza.
L’idea, è quella di offrire una scelta iniziale di circa 25 serie (secondo alcune anticipazioni tra i titoli vi sarebbero “Amnesia”, “Brutal” e “Urban jungle”) ciascuna composta da una decina di brevi episodi di circa 5-10 minuti. Il servizio, già attivo in America latina, sarà operativo in Italia dal 4 dicembre e verrà presentato il 28 novembre a Milano dove saranno presenti Dominique Delport e Gilles Galaus per Vivendi e Daniela Biscardini, responsabile entertainment di Tim. Grazie ad un budget iniziale di 35 milioni di euro, è già in progetto l’ampliamento dell’offerta movies per il prossimo semestre in modo da entrare prepotentemente nel settore dello streaming on demand dominato da Netflix. Intanto, sul fronte societario, il gruppo francese annuncia il collocamento di un bond da 600 milioni, a tasso fisso e della durata di 7 anni, per estendere la scadenza media del suo debito obbligazionario di 4 anni e mezzo. (M.R. per NL)
22/11/2016 14:07
 
NOTIZIE CORRELATE
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.
Il rigore del metodo è ciò che conferisce alle scienze dure credibilità e affidabilità e, per questo motivo, vanta numerosi tentativi di esportazione in altre aree del sapere. Se da uno studio dipendono decisioni importanti, poi, rasserena poter contare su un metodo considerato garanzia di conoscenza (quasi) certa della realtà oggettiva. La pubblicità in radio, tuttavia, non gode di questo privilegio.
Tagli drastici al pacchetto calcio con l’obiettivo di ridurre le spese: questo l’intento annunciato da Piersilvio Berlusconi durante la presentazione delle linee di sviluppo della pay-tv relative all’anno 2020.
A volte ritornano. Sky punta ancora alla pay-tv di Mediaset: la relazione burrascosa tra il Biscione e Vivendi diventa terreno di conquista per il vecchio pretendente.