Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Vivendi, nello streaming con le short series: nasce Studio+

Vivendi è pronta a lanciare Studio Plus, servizio che permetterà agli utenti di vedere short series esclusivamente su dispositivi mobili tramite abbonamento mensile, progetto nato in collaborazione con Tim, di cui i francesi detengono la maggioranza.
L’idea, è quella di offrire una scelta iniziale di circa 25 serie (secondo alcune anticipazioni tra i titoli vi sarebbero “Amnesia”, “Brutal” e “Urban jungle”) ciascuna composta da una decina di brevi episodi di circa 5-10 minuti. Il servizio, già attivo in America latina, sarà operativo in Italia dal 4 dicembre e verrà presentato il 28 novembre a Milano dove saranno presenti Dominique Delport e Gilles Galaus per Vivendi e Daniela Biscardini, responsabile entertainment di Tim. Grazie ad un budget iniziale di 35 milioni di euro, è già in progetto l’ampliamento dell’offerta movies per il prossimo semestre in modo da entrare prepotentemente nel settore dello streaming on demand dominato da Netflix. Intanto, sul fronte societario, il gruppo francese annuncia il collocamento di un bond da 600 milioni, a tasso fisso e della durata di 7 anni, per estendere la scadenza media del suo debito obbligazionario di 4 anni e mezzo. (M.R. per NL)
22/11/2016 15:07
 
NOTIZIE CORRELATE
A volte ritornano. Sky punta ancora alla pay-tv di Mediaset: la relazione burrascosa tra il Biscione e Vivendi diventa terreno di conquista per il vecchio pretendente.
Premium è il motivo del rosso di Mediaset: è questa la conclusione chiara che si evince dal rapporto Mediobanca sui prossimi anni che aspettano il Biscione; nel frattempo, l’affaire con Vivendi è ancora in attesa di ulteriori sviluppi.
Il governo si prepara a “omogeneizzare la normativa italiana a quelle più stringenti di altri paesi europei, come ad esempio la Francia” in tema di scalate nelle società quotate in borsa o, almeno, così sostiene il relatore del ddl concorrenza Salvatore Tomaselli.
Sembra quasi ieri che, da Fininvest, la linea ufficiale sull’affaire Vivendi era l’inesistenza di una “trattativa con il gruppo transalpino” (Vivendi) per risolvere la spinosa situazione venutasi a creare, in risposta ad alcune indiscrezioni non meglio precisate e pubblicate da Bloomberg.
Chi legge i giornali lo fa sempre più spesso sul proprio telefonino. L'Acpm (Alliance pour le ciffres de la presse et des médias), incaricata di monitorare la diffusione della stampa in Francia, ha certificato il sorpasso del digitale (53%) sulla carta stampata (47%) per quanto riguarda le abitudini dei lettori, mentre, tra le persone che leggono i giornali sul web, il 41% utilizza uno smartphone e il 40% si avvale del pc.