Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Varie
La società britannica di innovazione tecnologica Inrix ha dichiarato, tramite il suo sito (www. inrix.com), che Alexa, il dispositivo di riconoscimento vocale di Amazon, sarà presto reso disponibile all’interno degli autoveicoli.
 
Secondo i dati Nielsen, nei primi 11 mesi del 2016 in Italia la raccolta pubblicitaria è cresciuta dell'1,7% rispetto al medesimo periodo dell'anno precedente, ma se si prendono in considerazione anche i dati relativi a search e social, settori non monitorati nella ricerca, allora il risultato potrebbe essere vicino al +3,7%.
 
Pubblicato dall'Agcom l'Osservatorio sulle Comunicazioni n. 4/2016 datato 28/12/2016. Tra i dati più rilevanti: Rai e Mediaset sono i due principali operatori in termini di audience, con il 34,4% e il  32,3% di quote di ascolto, pur attestandosi su livelli di share inferiori  rispetto al 2012.
 
Ha oggi tre giorni di vita la Wind Tre Spa, azienda nata dalla fusione di Wind e 3 divenuta effettiva il 31/12/2016, e primo operatore del settore mobile con 31 mln di utenti attivi.
 
Il settore dei media ha registrato nel quinquennio 2011 – 2015 forti contrazioni dei ricavi, con una perdita pari al 30% per l’editoria quotidiana e periodica e di oltre il 20% relativamente al settore delle telecomunicazioni.
 
“Autunno di bonaccia per il mercato: nulla di imprevisto da parte degli operatori”, fa sapere Alberto Dal Sasso, TAM e AIS Managing Director di Nielsen.
 
Iliad è pronta ad entrare con prepotenza nel mercato italiano delle telecomunicazioni portando, probabilmente, la strategia del low cost che ha messo in crisi il mercato francese qualche anno prima.
 
La WPP, colosso nel campo pubblicitario, ha concluso il terzo trimestre dell’anno con una crescita del fatturato del 23,4% (per circa 4 miliardi di euro) in linea con i primi sei mesi del 2016.
 
Il governo offre agli operatori di telefonia mobile la possibilità di prorogare l'uso delle frequenze in banda 900 e 1800 MHz fino al 31/12/2029, ma a condizione di versare allo Stato circa 2 miliardi di euro anticipati e in una unica soluzione.
 
E' quanto emerge dal 13° Rapporto Censis-Ucsi sulla comunicazione prsenetato a Roma il 28 settembre. Nel merito, la penetrazione di internet aumenta di 2,8 punti percentuali nell'ultimo anno e l'utenza della rete tocca un nuovo record, attestandosi al 73,7% degli italiani (e al 95,9%, cioè praticamente la totalità, dei giovani under 30).