Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Varie
E' Danilo Pellegrino il nuovo amministratore delegato di Fininvest. Lo rende noto un comunicato della holding della famiglia Berlusconi, di cui Pellegrino era fino a oggi il direttore generale.
 
Ottimo per il mercato pubblicitario il mese di aprile 2016, in particolare per la tv che, secondo idati mensili di Nielsen, è cresciuta del 10,3%, chiudendo il quadrimestre a +6,4%.
 
Gli inserzionisti pubblicitari inglesi chiedono alle agenzie di conoscere gli effetti dei propri investimenti attraverso l’inserimento di un ulteriore soggetto esterno alla filiera; per le agenzie negativi gli interventi di terzi.
 
Il 14/03/2016 la società di capitali Planet, cui fanno riferimento dal 2002 la prima struttura italiana di competenze a più livelli Consultmedia, questo periodico (a sua volta il primo in ambito telematico sul target di riferimento, essendo nato nel 1999) e Tecnomedia (dal 2006, towering e risanamento ambientale e sanitario per tlc), ha compiuto 20 anni.
 
Moviemedia contesta i dati Nielsen. Relativa­mente agli andamenti dei fatturati pubblicitari del mese di gennaio 2016, la concessiona­ria afferma che il -8% attribuito al cinema non sia corretto.
 
Riorganizzazione nell’assetto delle agenzie media di Publicis, nell’ottica di ritrovare una maggiore efficienza. Vittorio Bonori viene promosso a presidente globale di Zenith, mentre il marchio ZenithOptimedia verrà ritirato.
 
Il mercato dei media in Italia (carta stampata, radio, televisione, cinema, videogiochi, musica, home video e internet) prosegue la sua contrazione perdendo ben 4,7mld di euro in soli quattro anni, tra il 2010 e il 2014.
 
L’utile del gruppo cala rispetto al 2014, ma è comunque positivo. Dai magazine raccolta pubblicitaria di quasi 100 milioni di euro. Nel 2016 la società di Urbano Cairo (foto) prevede per La7 una crescita del 4%.
 
Le torri per le tlc tornano a interessare, probabilmente anche in considerazione dell'imminente sviluppo della tecnologia LTE in ambito tv, dopo la decisione UE di destinare la gamma a 700 MHz allo sviluppo della banda larga in  mobilità (soluzione che porterà presto a svalutare le grandi torri montane per un'ampia distribuzione del segnale a favore di tante piccole postazioni a bassa potenza con maggiore portata in termini di capacità trasmissiva e capillarità).
 
Bene il generale il mercato degli investimenti pubblicitari nel mese di gennaio 2016: +2,5% rispetto allo stesso mese del 2015; percentuale che si traduce in 10,6 milioni in più.