Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Varie
Il mercato degli investimenti pubblicitari nei primi nove mesi dell’anno chiude a -3,2% rispetto allo stesso periodo del 2013, pari a circa 142 milioni in meno. I primi otto mesi dell’anno si erano chiusi a -2,7%. Lo dicono i nuovi dati Nielsen diffusi qualche giorno fa.
 
Nel 2015 il quadriennale trend negativo degli investimenti pubblicitari mondiale potrebbe invertirsi, anche se a beneficiarne saranno soprattutto i mezzi web resident, a danno di carta stampata, cinema e in genere media non elettronici.
 
Millecanali organizza anche quest’anno il convegno ‘Evolution Media’ (edizione 2014), dedicato alla nuova realtà della produzione dei contenuti, basata su tecnologie digitali e IP.
 
Il governo vuole cedere le frequenze della banda 1452-1492 MHz. Lo si legge in una bozza della legge di Stabilità che l'agenzia Reuters ha potuto consultare.
 
Torniamo ad analizzare i dati Nielsen sugli investimenti nel mercato pubblicitario nel periodo gennaio-agosto 2014.
 
La fdotografia di Nielsen sull'andamento degli investimenti pubblicitari mostra un incremento degli alimentari (+3,8%) contrapposto al calo dell’automotive (-5,7%) ed al crollo delle telecomunicazioni (-28,6%).
 
Mercato caldo quello del towering: come rende noto l'agenzia Reuters, si appresta ad entrare nel vivo il processo per la cessione di parte delle torri di trasmissione di proprietà di Wind.
 
Il settore media e intrattenimento (E&M) in Italia passerà dai 31,5 mld del 2013 ai 36 mld entro i prossimi 4 anni: i ricavi digitali saranno pari al 44% del totale e svetterà la penetrazione dei dispositivi mobili.
 
L’offerta spagnola “risponde meglio agli obiettivi strategici e finanziari del gruppo, che intende divenire un gruppo industriale integrato orientato verso i media e i contenuti”, ha reso comunicato in una nota la francese Vivendi.
 
L'agenzia greca per le privatizzazioni (Taiped) prevede di incassare 300-380 milioni di euro entro marzo 2015 dalla vendita all'asta delle frequenze agli operatori di telefonia cellulare. Lo riferisce Kathimerini online.