Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web e Pubblicità, Francia. Guerra per ai click falsi su Internet: Uda minaccia di ricorrere all’Antifrode

Etienne Lecomte, presidente dell’Uda (Union des announceurs, l’equivalente francese della nostra Upa), ha presentato una denuncia al Ministro dell’Economia francese per fare chiarezza sulle frodi pubblicitarie e, in particolar modo, sui dati relativi al web.
Le analisi sull’advertising on line infatti, possono essere travisate se dei “bot”, programmi-robot della rete, cliccano sugli annunci al posto degli utenti umani. In questo modo, i centri media che si accaparrano il 60% degli investimenti lasciando il rimanente 40% ai portali e ai siti, addebitano agli inserzionisti anche i click falsi (per Pierre-Jean Bozo, il vicepresidente dell’Uda, ammonterebbero addirittura a circa l’88% del totale). La questione, molto dibattuta negli ultimi tempi, aveva coinvolto anche Google, proprietario di Youtube, accusato lo scorso anno da un team di ricercatori europei, tra i quali Stefano Traverso del Politecnico di Torino, di illeciti nei conteggi pubblicitari sulla piattaforma AdWords. In Francia, la legge Sapin del 1993 regola le attività di intermediazioni in questo settore e obbliga i centri media, in quanto mandatari, a rendere conto del budget degli investitori. L’Uda minaccia che se entro la fine dell’anno la legge non verrà estesa anche al mercato online, le agenzie pubblicitarie verranno denunciate all’Antifrode. Ora la palla passa al governo che dovrà accelerare i tempi su un decreto già firmato a giugno, ma bloccato da mesi al Consiglio di Stato. (M.R. per NL)
28/11/2016 17:54
 
NOTIZIE CORRELATE
Dopo il calo dello 0,7% nel 2015, il perimetro delle concessionarie FCP-Assointernet lascia per strada un altro 2,3% nel 2016 chiudendo a 457,7 milioni di euro.
Chi legge i giornali lo fa sempre più spesso sul proprio telefonino. L'Acpm (Alliance pour le ciffres de la presse et des médias), incaricata di monitorare la diffusione della stampa in Francia, ha certificato il sorpasso del digitale (53%) sulla carta stampata (47%) per quanto riguarda le abitudini dei lettori, mentre, tra le persone che leggono i giornali sul web, il 41% utilizza uno smartphone e il 40% si avvale del pc.
Secondo i dati Nielsen, nei primi 11 mesi del 2016 in Italia la raccolta pubblicitaria è cresciuta dell'1,7% rispetto al medesimo periodo dell'anno precedente, ma se si prendono in considerazione anche i dati relativi a search e social, settori non monitorati nella ricerca, allora il risultato potrebbe essere vicino al +3,7%.
Zuckerberg, sfruttando un sistema già usato da YouTube con grandi risultati, nei prossimi mesi avrebbe intenzione di pubblicare inserzioni pubblicitarie all'interno dei contenuti video di Facebook.
C'è poco da fare, i conti continuano a non tornare: quei 3 mld di euro non sono sufficienti per Delphine Ernotte, AD di France Télévisions, beneamata dal presidente Hollande, giunta ormai due anni fa al vertice della tv di stato con l'obiettivo ambizioso di risanarla e di ridurre entro il 2020 i contributi del ministero dell'economia che (esattamente come in Italia) rimane il suo unico azionista.