Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web. Facebook: musica per potenziare i contenuti video

Facebook punta al mercato musicale per migliorare la sua rendita, e conta di farlo continuando a sfidare Google e la sua colossale piattaforma video, il contenuto online che crea maggior engagement in assoluto.
Il social network più diffuso al mondo, infatti, pare esser deciso a mettersi in concorrenza con la piattaforma web più conosciuta in materia di visualizzazione video in rete, YouTube. Sembra che Facebook abbia avviato (si dice già nel 2015) trattative finalizzate ad accordi con le etichette discografiche, mirati ad ottenere i video dei loro artisti, oltre a quelli inseriti dagli utenti; l’obiettivo è quello di potenziare i contenuti video (già grande strumento di business in grado di ampliare notevolmente le visualizzazioni) all’interno della piattaforma, catturando maggiori utenti grazie alla musica e avendo poi la possibilità di abbinare la pubblicità ai video. Da parte loro, anche le major musicali avrebbero un tornaconto: essere in trattativa con Facebook potrebbe infatti rivelarsi una nota positiva in termini di maggior forza contrattuale con il colosso dei video YouTube che, di fatto, tiene il coltello dalla parte del manico nel dialogo fra le parti. Non è una novità che, stando almeno a quanto sostenuto dai player del settore musicale, il portale di Mountain View “é ben lontano dal riconoscere ad artisti e produttori un equo compenso per la loro musica”, per citare Frances Moore (Amministratore delegato della Federazione Internazionale dell’Industria Fonografica, acronimo IFPI). Difatti la piattaforma subisce da tempo numerose critiche a causa del divario presente fra il numero di utenti dello streaming musicale e le percentuali destinate agli autori e agli editori della musica. Nel frattempo Facebook dà il via alle trattative per ottenere l’autorizzazione dalle case discografiche che gli permetterà, successivamente, di richiedere la cosiddetta licenza AMCS (Contratto di licenza per l’utilizzazione delle opere musicali amministrate dalla SIAE quale complemento o sottofondo in siti web) che diviene efficace solo in seguito all’effettuazione del primo pagamento dovuto da parte del contraente ai sensi dell’art. 12 “Termini e modalità di pagamento dei compensi” descritto nell’apposito modulo scaricabile dal sito della società alla voce “Musica sui siti web e telefonia mobile”. (L.M. per NL)
16/02/2017 10:55
 
NOTIZIE CORRELATE
Le due novità in fatto di navigazione, Whatsapp Web e Telegram Web, famosi servizi di messaggistica istantanea nati come semplici app e adesso usufruibili anche tramite sito web su computer e tablet, sono state recentemente prese di mira dagli hacker della Rete; questo almeno è quanto emerge da uno studio firmato Check Point Software Technologies Ltd., ovvero un'azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software, specializzata in prodotti relativi alla sicurezza quali firewall e VPN (Virtual Private Network - rete di telecomunicazione privata).
Snap, società a cui fa capo l’applicazione Snapchat, è sopravvissuta al suo primo giorno di quotazione in Borsa (venerdì 3 marzo) chiudendo a 26,7 dollari con una crescita del 9%.
Snapchat sorprende tutti a Wall Street arrivando a registrare la maggior quotazione Nyse nella storia di una società tecnologica, dopo Alibaba nel 2014.
YouTube, la piattaforma di videosharing più famosa al mondo, gongola: “You know what’s cool? A billion hours” titola sul blog ufficiale, dove annuncia che sono oltre un miliardo le ore di video visualizzate ogni giorno dagli utenti del portale sparsi in tutto il globo.
Non è un segreto che Facebook sia di gran lunga il social network più diffuso al mondo, con un’utenza che si aggira intorno ai 2 miliardi e nessun concorrente effettivamente in grado di scalfirne le dimensioni; è proprio per questo motivo che le altre piattaforme hanno finora puntato sul fornire servizi alternativi e Facebook ha puntualmente fatto di tutto per inglobarle, mostrando un atteggiamento che sembra nascondere l’intenzione di restare l’unico sulla piazza.