Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web. Google lancia il guanto di sfida a Netflix e televisione americana

YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
Come convincere gli utenti della più grande piattaforma di videosharing, che per definizione è gratuita, a pagare? Google ci prova con YouTube TV, a breve disponibile negli USA che si autoproclama come “tv pensata per la YouTube Generation”, rivolgendosi –dunque – ad un target giovane come dichiarato dall’ AD Susan Wojcicki. Il pacchetto, al costo di 35 dollari al mese e senza vincoli temporali di abbonamento, offre i contenuti di circa 40 canali, puntando soprattutto a notiziari (ABC, CBS), sport e talk show, ed include YouTube Red – servizio a pagamento che consente di guardare video senza pubblicità, contenuti in esclusiva (gli “Originals”), utilizzare YouTube Music e Gaming. Ogni account può registrare fino a 6 dispositivi tra tv, smartphone e tablet sia con sistema iOS sia Android ed utilizzarne 3 contemporaneamente: questo significa che il costo, già dimezzato rispetto a quello della tv via cavo statunitense, può essere ripartito tra più persone o famiglie. Fin qui nulla di nuovo: da Netflix in poi, tutte le tv online hanno fondato il proprio business su abbonamenti senza vincoli contrattuali e la possibilità di sharing. La forza e novità di YouTube TV sta nella tecnologia Google, che soffre davvero pochi paragoni: con Google Chromecast è possibile utilizzare lo schermo della tv per guardare lo stream, anche se questa non è “smart”; la ricerca dei contenuti, poi, replicherà il meccanismo delle “parole chiave” classico del motore di ricerca creando un’aggregazione di contenuti nuova, auspicabilmente più user-friendly. La novità più grande è il Cloud DVR, sistema di storage che consentirà di registrare più programmi contemporaneamente, conservarli in un archivio digitale (il cloud, appunto) senza affaticare la memoria del dispositivo per un tempo ragionevolmente lungo (9 mesi) e poi guardarli ovunque, anche offline. (V.D. per NL)
03/03/2017 09:32
 
NOTIZIE CORRELATE
YouTube, la piattaforma di videosharing più famosa al mondo, gongola: “You know what’s cool? A billion hours” titola sul blog ufficiale, dove annuncia che sono oltre un miliardo le ore di video visualizzate ogni giorno dagli utenti del portale sparsi in tutto il globo.
Dal 2018 scompariranno gli spot pubblicitari di 30 secondi su YouTube e Google ha reso noto di “volersi concentrare sui formati che vadano bene sia per gli utenti che per i clienti”.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.
Originalità: è questo il comandamento che hanno seguito le star di Youtube e di Instagram che sono riuscite a ritagliarsi una carriera professionale grazie ai social network.
La pubblicità digitale è quasi totalmente in mano a Google e Facebook che costituiscono una sorta di duopolio in questo fiorente settore.