Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web, pubblicità. Google e Facebook oligarchi dell’advertising online

La pubblicità digitale è quasi totalmente in mano a Google e Facebook che costituiscono una sorta di duopolio in questo fiorente settore.
Con gli annunci pubblicitari di AdWords e AdSense lo scorso anno Google ha fatturato 67 miliardi di dollari, mentre solo in Italia, il 68% degli investimenti si concentra sui due giganti americani. La raccolta dei dati degli utenti ha aumentato il processo di automazione e, nel gioco della domanda e dell’offerta in tempo reale, Google e Facebook sono diventati gli indiscussi protagonisti delle piattaforme di distribuzione. Questo sistema incrementa i guadagni dei gestori delle piattaforme e degli intermediari, ma danneggia gli editori che producono contenuti digitali, i quali si devono accontentare di circa il 30% degli introiti rispetto all’80% di qualche anno fa. Lo sviluppo del media buying ha incrementato il divario tra web da una parte e tv e carta stampata dall’altra. Il mezzo televisivo, pur facendo registrare una crescita nella raccolta pubblicitaria, sembrerebbe destinato a soccombere sotto i numeri del programmatic advertising, ma un cambio di modello di distribuzione e le idee innovative sono una valida soluzione. Un esempio su tutti è rappresentato dall’OTT americana Cbs che nel 2014 ha lanciato Cbs All access, servizio streaming on demand con 1,2 milioni di abbonati. Si punta nel 2020 a raggiungere 4 milioni di sottoscrizione e, anche grazie all’incremento nella raccolta, la rete televisiva lancerà contenuti originali, come la serie Star Trek: Discovery, che debutterà su All Access nel gennaio del 2017. (M.R. per NL)

22/12/2016 10:50
 
NOTIZIE CORRELATE
Le due novità in fatto di navigazione, Whatsapp Web e Telegram Web, famosi servizi di messaggistica istantanea nati come semplici app e adesso usufruibili anche tramite sito web su computer e tablet, sono state recentemente prese di mira dagli hacker della Rete; questo almeno è quanto emerge da uno studio firmato Check Point Software Technologies Ltd., ovvero un'azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software, specializzata in prodotti relativi alla sicurezza quali firewall e VPN (Virtual Private Network - rete di telecomunicazione privata).
Snap, società a cui fa capo l’applicazione Snapchat, è sopravvissuta al suo primo giorno di quotazione in Borsa (venerdì 3 marzo) chiudendo a 26,7 dollari con una crescita del 9%.
Snapchat sorprende tutti a Wall Street arrivando a registrare la maggior quotazione Nyse nella storia di una società tecnologica, dopo Alibaba nel 2014.
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
YouTube, la piattaforma di videosharing più famosa al mondo, gongola: “You know what’s cool? A billion hours” titola sul blog ufficiale, dove annuncia che sono oltre un miliardo le ore di video visualizzate ogni giorno dagli utenti del portale sparsi in tutto il globo.