Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web, pubblicità. Google e Facebook oligarchi dell’advertising online

La pubblicità digitale è quasi totalmente in mano a Google e Facebook che costituiscono una sorta di duopolio in questo fiorente settore.
Con gli annunci pubblicitari di AdWords e AdSense lo scorso anno Google ha fatturato 67 miliardi di dollari, mentre solo in Italia, il 68% degli investimenti si concentra sui due giganti americani. La raccolta dei dati degli utenti ha aumentato il processo di automazione e, nel gioco della domanda e dell’offerta in tempo reale, Google e Facebook sono diventati gli indiscussi protagonisti delle piattaforme di distribuzione. Questo sistema incrementa i guadagni dei gestori delle piattaforme e degli intermediari, ma danneggia gli editori che producono contenuti digitali, i quali si devono accontentare di circa il 30% degli introiti rispetto all’80% di qualche anno fa. Lo sviluppo del media buying ha incrementato il divario tra web da una parte e tv e carta stampata dall’altra. Il mezzo televisivo, pur facendo registrare una crescita nella raccolta pubblicitaria, sembrerebbe destinato a soccombere sotto i numeri del programmatic advertising, ma un cambio di modello di distribuzione e le idee innovative sono una valida soluzione. Un esempio su tutti è rappresentato dall’OTT americana Cbs che nel 2014 ha lanciato Cbs All access, servizio streaming on demand con 1,2 milioni di abbonati. Si punta nel 2020 a raggiungere 4 milioni di sottoscrizione e, anche grazie all’incremento nella raccolta, la rete televisiva lancerà contenuti originali, come la serie Star Trek: Discovery, che debutterà su All Access nel gennaio del 2017. (M.R. per NL)

22/12/2016 11:50
 
NOTIZIE CORRELATE
Zuckerberg, sfruttando un sistema già usato da YouTube con grandi risultati, nei prossimi mesi avrebbe intenzione di pubblicare inserzioni pubblicitarie all'interno dei contenuti video di Facebook.
Facebook si evolve dal mero social network a mezzo di comunicazione, diventando, in una data accezione, anche "radio". Il più famoso social ha infatti annunciato il lancio dei Live audio, delle dirette in streaming "radiofoniche", con un occhio anche agli appassionati dei podcast, i contenuti audio a puntate (da ascoltare in streaming o previo download).
E se Facebook fosse una banca? Gli utenti gli affiderebbero i propri risparmi così come fanno con foto, informazioni personali, amicizie, interessi e conversazioni private?
Facebook starebbe lavorando, secondo quanto riporta il New York Times, a un sistema automatico in grado di censurare determinati contenuti dalla sezione notizie sulla base dell’appartenenza geografica.
Attraverso un post sul blog aziendale firmato da Kent Walker, vice presidente di Google, l’azienda di Mountain View risponde alla Commissione UE: per loro non c’è alcun abuso di posizione dominante.