Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web, pubblicità. Google e Facebook oligarchi dell’advertising online

La pubblicità digitale è quasi totalmente in mano a Google e Facebook che costituiscono una sorta di duopolio in questo fiorente settore.
Con gli annunci pubblicitari di AdWords e AdSense lo scorso anno Google ha fatturato 67 miliardi di dollari, mentre solo in Italia, il 68% degli investimenti si concentra sui due giganti americani. La raccolta dei dati degli utenti ha aumentato il processo di automazione e, nel gioco della domanda e dell’offerta in tempo reale, Google e Facebook sono diventati gli indiscussi protagonisti delle piattaforme di distribuzione. Questo sistema incrementa i guadagni dei gestori delle piattaforme e degli intermediari, ma danneggia gli editori che producono contenuti digitali, i quali si devono accontentare di circa il 30% degli introiti rispetto all’80% di qualche anno fa. Lo sviluppo del media buying ha incrementato il divario tra web da una parte e tv e carta stampata dall’altra. Il mezzo televisivo, pur facendo registrare una crescita nella raccolta pubblicitaria, sembrerebbe destinato a soccombere sotto i numeri del programmatic advertising, ma un cambio di modello di distribuzione e le idee innovative sono una valida soluzione. Un esempio su tutti è rappresentato dall’OTT americana Cbs che nel 2014 ha lanciato Cbs All access, servizio streaming on demand con 1,2 milioni di abbonati. Si punta nel 2020 a raggiungere 4 milioni di sottoscrizione e, anche grazie all’incremento nella raccolta, la rete televisiva lancerà contenuti originali, come la serie Star Trek: Discovery, che debutterà su All Access nel gennaio del 2017. (M.R. per NL)

22/12/2016 11:50
 
NOTIZIE CORRELATE
La compagnia del fantasmino ha fissato la valutazione in merito alla sua quotazione in Borsa prevista per marzo 2017: il range previsto dovrebbe aggirarsi tra 19,5 miliardi e 22,2 miliardi di dollari (ovvero 18,3 e 20,8 miliardi di euro) stimato su un prezzo indicativo per azione di 14/16 dollari (13,1/15 euro).
Facebook punta al mercato musicale per migliorare la sua rendita, e conta di farlo continuando a sfidare Google e la sua colossale piattaforma video, il contenuto online che crea maggior engagement in assoluto.
Twitter fatica a volare. Il noto social network sta attraversando un periodo di crisi in quasi tutti i settori: crescita pubblicitaria, numero di iscritti e ricavi finanziari, infatti, non vanno per niente bene.
Continua la lotta contro le notizie false presenti sul web e questa volta è Twitter a fare notizia. La compagnia del famoso uccellino blu (nel 2013 il social network ha superato i 230 milioni di utenti attivi al mese) ha dichiarato che nei prossimi giorni darà il suo contributo nel contrastare il fenomeno, apportando serie modifiche al servizio.
Se si parla di diffamazione, Facebook e i social non sono assimilabili alla stampa ma vanno considerati come mezzo di pubblicità: così stabilisce una recente sentenza della Cassazione.